Home / CITTA / Vibo Valentia / Vibo Valentia – L’incontro “Pubblico e privato al servizio dei disabili”

Vibo Valentia – L’incontro “Pubblico e privato al servizio dei disabili”

Possono i soggetti che operano sul territorio vibonese nella disabilità, la scuola e le associazioni favorire una reale cultura dell’inclusione?

A questo scottante e sempre più che attuale interrogativo è chiamato a rispondere, possibilmente con una proposta concreta, l’evento di martedì 19 dicembre, con inizio alle ore 10, organizzato nell’aula magna dell’Istituto di Istruzione Superiore “N. De Filippis – G. Prestia”, di via Santa Maria dell’Imperio, di Vibo Valentia, per discutere su “Pubblico e privato al servizio dei disabili”.

Il programma, dopo il saluto del dirigente scolastico Pietro Gentile, avrà al centro dell’attenzione la presentazione del progetto redatto dal docente Nicola Raffaele e prevede gli interventi di Maurizio Piscitelli coordinatore dell’Atp e di Bruno Risoleo coordinatore neuropsichiatra infantile dell’Asl.

Ad offrire un contributo di esperienza saranno, poi, don Giacomo Panizza dell’Associazione “Progetto Sud”, Michele Napolitano dell’Associazione “La Goccia”, Valeria Risoleo dell’Associazione “Guardo oltre”, Francesca Marturano dell’Aism e Nadia Paura dell’Associazione “Come te insieme nella diversità”.

Molto attese le testimonianze di Sonia Pagano e Domenico Rovere.

Prevista anche una sfilata di moda mentre le conclusioni verranno affidate al giornalista e sociologo dell’Asi Maurizio Bonanno.

“Il mondo della disabilità sta cambiando – spiegano i promotori dell’evento nel presentare la manifestazione – perché cambia la tecnologia al servizio dei cittadini, migliorano le possibilità di cura e di riabilitazione, cambiano i bisogni educativi e formativi degli studenti diversamente abili.

In questo scenario la domanda di servizi assume connotazioni che rimandano ad un diverso approccio culturale alla disabilità.

Diventa allora indispensabile che la scuola nel progettare ed attuare proprie strategie didattiche ed educative si avvalga di tutte le risorse presenti sul territorio e cerchi tutte le possibili sinergie con Enti e Associazioni .

Ecco perché – conclude la nota del team della Scuola – la manifestazione finale del progetto mira a promuovere tra i vari soggetti che operano nell’ambito della disabilità una riflessione sui possibili miglioramenti della rete di servizi offerti da Enti, Scuola e Associazioni al fine di favorire una reale cultura dell’inclusione”.

Leggi qui!

Controlli in un supermercato nel vibonese – Sequestrati 5 kg di pesce

I Carabinieri della Stazione di Vibo Valentiain collaborazione con il NASdi Catanzaro, nei giorni scorsi …