• Home / Primo piano / “Sissy Trovato non è stata uccisa”. La procura di Venezia chiede l’archiviazione

    “Sissy Trovato non è stata uccisa”. La procura di Venezia chiede l’archiviazione

    Sissy Trovato non è stata uccisa. Queste le conclusioni a cui è giunta la procura di Venezia all’esito degli esami supplementari richiesti dal gip. Per questo motivo, l’ufficio di procura ha chiesto la chiusura delle indagini e l’archiviazione del caso come suicidio. L’ipotesi, tra l’altro, sostenuta fin dall’inizio dagli inquirenti veneti.

    La riapertura delle indagini era legata alla prima opposizione all’archiviazione che la famiglia Trovato aveva inoltrato al giudice per le indagini preliminari tramite i loro legali. I legali della famiglia di Sissy hanno preso atto della decisione del pm sostenendo che adesso si concentrerà a studiare le carte. «Nutriamo ancora delle perplessità di ricostruzione balistica all’interno dell’ascensore – ha dichiarato l’avvocato Girolamo Albanese, che insieme ai colleghi Fabio Anselmo e Maria Sicari rappresentano la famiglia Trovato – Abbiamo fatto degli approfondimenti tecnici che nei prossimi giorni analizzeremo con i nostro periti».