• Home / Primo piano / L’ex Fiera delle attività agrumarie di Pentimele chiede aiuto. Presa d’assalto dai vandali (FOTO)

    L’ex Fiera delle attività agrumarie di Pentimele chiede aiuto. Presa d’assalto dai vandali (FOTO)

    di Grazia Candido – E’ stato uno dei polmoni verdi di Reggio Calabria per tanti anni e molti ricordano quel passato illustre di un luogo balzato alla cronaca per aver ospitato una fiera internazionale.

    L’ex Fiera delle attività agrumarie di Pentimele, situata nella periferia Nord della città, oggi, versa in un totale e pauroso stato di abbandono e quello che fa più rabbia, è la distruzione fatta da vandali e barboni che impavidi vi risiedono pure.
    Da uno dei cancelli è possibile infatti, intravedere sagome di persone che, indisturbate, entrano ed escono tra quella incuria e le sterpaglie che circondano tutta l’area.
    Lamiere, porte divelte, buste di spazzatura, resti di mobili abbandonati sono solo alcuni ingombranti che riusciamo a fotografare dall’esterno perché per paura, evitiamo di entrare in quel luogo oramai “colonizzato” da qualcuno.
    Ed è inaccettabile vedere uno scenario così degradante in quella zona dove è allocato il circolo del tennis “Rocco Polimeni”, uno dei più grandi d’Italia per numero di iscritti e sede di prestigiosi eventi sportivi, culturali e solidali; il palazzetto dello Sport “Palacalafiore” meta di eventi e concerti di cantanti nazionali ed internazionali; l’Oasi village nota struttura balneare, il lido della Polizia oltre ad altre attività ristorative. Per l’area dell’ex fiera si è parlato spesso di riqualificazione e dello stanziamento di 8 milioni di euro nei “Patti per il Sud” per creare un nuovo polo dello Sport. E a dirlo fu proprio il sindaco Giuseppe Falcomatà durante la conferenza di presentazione del “Tennis Europe Junior Master 2017” postillando: “Nei prossimi giorni, faremo un sopralluogo. Non possiamo far finta che quell’area non esista, pronti a ripulire la zona”.
    Eppure ad oggi, non è cambiato nulla. Degrado c’era prima e degrado c’è ancora oggi.
    Intanto, i cittadini aspettano che si faccia qualcosa per quella vasta area diventata “meta ambita” di deturpatori ambientali e gli amministratori non possono non ascoltare il disperato “urlo” di aiuto di una struttura che dovrebbe invece, essere un fiore all’occhiello di Reggio Calabria.
    In passato, si era pensato a riqualificare l’opera in project financing, assolutamente attuabile secondo quanto prescritto dalla normativa sui lavori pubblici. Il project financing è un’operazione tecnica di finanziamento privato a lungo termine di un progetto in cui il ristoro del finanziamento stesso è garantito dai flussi di cassa previsti dalla attività di gestione o esercizio dell’opera stessa.
    Nello specifico, il project financing è riservato alle opere che, una volta realizzate, saranno in grado di finanziarsi e di coprire i costi di progettazione e costruzione ed è una tecnica che permette alle Pubbliche Amministrazioni di non sovraccaricare i propri bilanci con spese eccessive.
    Tante sono le idee che si potrebbero realizzare in quell’area, dal polo dello Sport alla realizzazione di strutture ad indirizzo sportivo-alberghiero e congressuale, ci vuole solo la volontà amministrativa di fare e capire che, qualsiasi cosa compiuta, potrebbe non fare alcuna differenza ma è molto importante che la si metta in atto perché la vita non è fatta di desideri bensì di azioni.