• Home / In evidenza / Proclamato lo stato di agitazione dei tirocinanti calabresi

    Proclamato lo stato di agitazione dei tirocinanti calabresi

    Vista l’assenza di dati certi in relazione ai tirocini formativi e, nello specifico per i tirocini in essere in Enti Pubblici e Aziende Private;

     

    Rilevata la difficoltà di reperire le risorse economiche necessarie per il prosieguo dell’attività formativa in essere;

    Considerata l’assenza di comunicazione da parte della Regione Calabria nei confronti dei Tirocinanti;

    Vista l’imminente scadenza dei tirocini in essere,

    la scrivente Organizzazione Sindacale CSA Regioni Autonomie Locali – Dipartimento Nazionale Precari e Politiche del Lavoro,

    C H I E D E

    Che vengano forniti i dettagli finanziari relativi ai fondi disponibili ed alla discrepanza rilevata, già segnalata a mezzo nota prot. n. 368/19/pr. del 9 luglio 2019 inviata tramite posta elettronica certificata, tra i fondi totali stanziati e certificati da INPS pari a 290.600.849 euro e l’ammontare dichiarato dal presidente Oliverio, in data 24/11/2017 con prot. n.368171/siar, pari a 305.825.053 euro.

    Tali dati presentano una evidente incongruenza per circa 15 milioni di euro.

    Tanto premesso il CSA Regioni Autonomie Locali Dipartimento Nazionale Precari e Politiche del Lavoro resta in attesa, entro giorno 25 c.m., di riscontro di chiarimento e proclama lo stato di agitazioni dei tirocinanti calabresi, significando che in difetto di risposta saranno programmate le conseguenti azioni di protesta.