• Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria – Al via ContaminAzioni Festival a Piazza Castello

    Reggio Calabria – Al via ContaminAzioni Festival a Piazza Castello

    Una festa gratuita e aperta a tutti: questo è ContaminAzioni Festival, una due giorni che vuole fare dell’arte la connessione virtuosa con territorio e popolazione. Proprio durante la conferenza stampa di presentazione, esclusivamente on line, si è esposto in dettaglio il programma che vede aggiungersi anche una terza giornata di festival in parte dedicata alla periferia sud, luogo in cui la sede dell’Associazione Magnolia e il Laboratorio Radici hanno avuto modo di realizzare le loro attività.

    «Un Festival che stiamo realizzando grazie ai contributi dal basso– dichiara Rossana Melito, presidentessa dell’associazione Magnolia – sforzi che hanno reso possibile un evento che vedrà il coinvolgimento di artisti, artigiani, produttori locali e musicisti». Alla conferenza stampa web sono stati presenti alcuni soci delle associazioni che hanno coadiuvato la nascita del festival: GAStrettoAss.Culturale, Adexo associazione culturale, SpazioTeatro, Catartica Care, Pagliacci Clandestini, Trame Solidali, Revulver Studio, Csoa Angelina Cartella, CSC Nuvola Rossa e @Terre del Sud. Elvira Calluso,l’ideatrice del festival, ha spiegato come ContaminAzioni sia nato da un’utopia fatta realtà: «Un sogno lungo più di un anno che si realizza in uno degli spazi centrali della città, la piazza del Castello Aragonese, ma che partirà venerdì mattina grazie ai Pagliacci Clandestini con una passeggiata nell’area periferica sud, proprio quella che ospita la sede delle nostre iniziative: un bene confiscato alla ‘ndrangheta».

    Il programma parte quindi venerdì 28 alle ore 11:30 con la passeggiata di quartiere in zona Gagliardi ad Arangea con i Pagliacci Clandestini, Valentino Santagati e i musicisti di Cataforioe alle ore 18.00 con partenza da Piazza De Nava.Sabato 29 giugno l’avvio delle attività a Piazza Castello con l’apertura degli stand visitabili per tutto il week end. Alle ore 16:00Una ContaminAzione in atto, workshop a cura di Parresía research, con Elvira Lamanna, Ibrahim Adnan Ikon Kondeh. Alle 16:30 l’apertura delle mostre con allestimento a cura di Michele Tarzia, Giovanna Catalano e Marco Costantino. Tante le iniziative:In Tenda 2013/2019 di Fabio Itri; Free littlelibrary: una libreria realizzata da KiroGocev con materiale di recupero e posizionata presso Piazza Castello, le altre due verranno realizzate da Catartica Care e posizionate presso SpazioTeatro e il Laboratorio Radici; Piovuti dal mare di Fabio Orlando; Space Song di Antonella Nicolò; ARKANAproject di Carmela Caratozzolo e Anna Calabrò. Poi, ancora: Ritmo, Spazio, Espressione, ContaminAzione! con i Pagliacci Clandestini; il laboratorio di pittura estemporanea aperta al pubblico a cura di Luisa Malaspina; alle ore 18.00 OpenSpine: l’editoria indipendente come officina creativa. Talk e installazione pop up di Michela Palermo, organizzato dal Collettivo MatteLab.Alle ore 20:00 spazio agli spettacoli serali con Sanguinosa Infanzia: Gaetano Tramontana legge Michele Mari con musiche dal vivo di Antonio Aprile. Subito dopo la degustazione di prodotti naturali a cura dei produttori della Fiera della Decrescita, Manipura e Birrificio Reggino. Chiudono la giornatai live dei Lacriotego e di Cesare Basile. Domenica 30 giugno continuano i workshop, i laboratori, le mostre e le performance mentre alle 18:30 è in programma A Viva Voce, letture di Anna Calarco e Katia Colica dedicate a bambini e ragazzi dai 7 anni scelte a cura della La Biblioteca dei Ragazzi & Adexo associazione culturale. La serata degli spettacoli si apre con il live dei N.E.M. alle ore 20:00. A seguire, dopo una degustazione di prodotti naturali a cura dei produttori della Fiera della Decrescita, Manipura e Birrificio Reggino, sul palco ci saranno i Dick Hudson. Concluderanno il festival la presentazione Sportello Cosmi Comitato Solidarietà Migranti con il CSC Nuvola Rossa e, infine, l’atteso live di Sandro Joyeux. Aggiornamenti e programma completo su www.magnoliarc.org