Home / CITTA / Reggio Calabria / Confindustria Reggio Calabria:Albania, nuova frontiera dell’internazionalizzazione”e

Confindustria Reggio Calabria:Albania, nuova frontiera dell’internazionalizzazione”e

Le prospettive di sviluppo nel territorio albanese, con particolare riferimento alle opportunità in termini di investimenti e nuove relazioni commerciali per le imprese del territorio reggino, sono state al centro dell’iniziativa dal titolo: “Albania: la nuova frontiera dell’internazionalizzazione” ospitata da Confindustria Reggio Calabria e organizzata in collaborazione con Italian Network.


All’incontro, che ha fatto registrare la presenza di imprenditori e operatori commerciali del territorio, hanno preso parte Adrian Haskaj, Console generale della Repubblica di Albania, Giuseppe Nucera, presidente di Confindustria Reggio Calabria, Mariella Costantino, referente Sportello internazionalizzazione Confindustria Reggio Calabria, Artur Beu, Ministero dell’Interno della Repubblica di Albania, Giampiero Carrieri, Ten. Col. Guardia di Finanza e Roberto Laera, esperto di internazionalizzazione – Amministratore Italian Network.
“L’Albania – è stato evidenziato nel corso dell’incontro dal presidente Nucera e dalla responsabile sportello Internazionalizzazione Costantino – rappresenta il trend del momento per le imprese italiane. In questa direzione Confindustria Reggio Calabria già dal 2016 ha avviato un percorso istituzionale, in stretta sinergia con l’Ambasciatore albanese in Italia, con l’obiettivo di promuovere incontri e missioni conoscitive. Edilizia, energia, agroalimentare, turismo, tessile e infrastrutture sono tra i settori di maggiore interesse per le imprese locali che vogliono intraprendere percorsi imprenditoriali in terra albanese. Peraltro, nella maggior parte dei casi, non si tratta di imprese delocalizzate ma dell’apertura di sedi operative in grado di usufruire dei rilevanti vantaggi in termini di investimento, produzione e pressione fiscale che il sistema albanese può offrire. Confindustria dispone in Albania di una propria sede operativa e la nostra territoriale opera ormai da tempo in stretto contatto con il sistema confindustriale nazionale al fine di supportare quelle imprese che hanno interesse ad avviare relazioni imprenditoriali e commerciali con il territorio albanese”.
“Sono tante le cose in comune con l’Italia – ha evidenziato il console Haskaj – e il nostro Paese guarda sempre con grandissimo interesse all’Italia che, è bene ricordarlo, ha aperto le porte all’Albania all’inizio degli anni ’90. La nostra è una realtà in forte crescita ma che ha costante bisogno di supporto, specie in termini di know-how e da questo punto di vista le relazioni con il tessuto imprenditoriale italiano sono estremamente importanti per noi. E’ importante sottolineare che l’Albania offre tanto non solo sotto il profilo fiscale e delle agevolazioni agli investimenti ma anche per quanto riguarda la sicurezza. Un tema, questo, spesso circondato da luoghi comuni ma che, in realtà, come testimoniano le statistiche ufficiali descrive un Paese estremamente sicuro e ben controllato”.

Leggi qui!

Proclamato lo stato di agitazione dell’assistenza primaria

Le OOSS, Fimmg Calabria, Intesa Sindacale e Fisum proclamano lo stato di agitazione della categoria …