Home / CITTA / Reggio Calabria / Assunzioni a Reggio Calabria, Nasso : ‘Falcomatà si è svegliato, scopo elettorale’

Assunzioni a Reggio Calabria, Nasso : ‘Falcomatà si è svegliato, scopo elettorale’

“Si sbloccano i concorsi pubblici a Reggio Calabria”.
“Leggere una simile notizia – afferma Ivano Nasso (Movimento Nazionale per la Sovranità)  sortisce un effetto mediatico notevole, dal momento che, viviamo in un’epoca in cui, la disoccupazione dilagante, obbliga i nostri giovani a cogliere ogni opportunità di lavoro altrove. Dopo vent’anni, sicuramente, una tale iniziativa, meriterebbe un plauso”.

“Tuttavia, essa appare, come il risveglio del nostro sindaco Falcomata’ che, per ben quattro anni, ha dormito, senza nemmeno – attacca Nasso –  preoccuparsi dei danni subiti dalla città, a causa della sua, evidente, spregiudicatezza e noncuranza”.
Detto questo, è pur vigendo la convinzione che, una tale iniziativa abbia il suo valore, bisognerebbe soffermarsi sul fatto che, essa abbia uno scopo finemente elettorale, soprattutto con lo spetto del dissesto che aleggia sul Comune in queste ore.
E si…
Perché, stranamente, essa si erge, come baluardo, alla vigilia delle nuove elezioni piuttosto che durante la legislatura, lasciando presupporre l’intervenire di possibili abusi”.

“Si creerebbe – incalza –  terreno fertile, per possibili voti di scambio, da cui potrebbero scaturire, corruzione e abusi vari.
Si mercificherebbe, in tal modo, la libertà di voto.
Se poi si considera la particolare condizione di Falcomata’, rinviato a giudizio per un ipotesi di favoritismo ad un amico, le istituzioni e le autorità preposte dovrebbero fermare tale manipolabile iniziativa, prima delle elezioni, al fine di evitare la probabile proliferazione di atti illeciti.
In un territorio povero ed affranto, per l’inoperosita’ da parte di Falcomata’, diventerebbe un massacro che porrebbe i cittadini l’uno contro l’altro, portando a possibili aste al miglior offerente.
Totò diceva “a volte è difficile fare la scelta giusta perché, o sei roso dai morsi della coscienza o da quelli della fame”.
Qui, purtroppo, di coscienza ce n’e’poca, ma di fame tanta”.

Leggi qui!

Andriani: ” La nostra terra non si chiama “le Calabrie” ma Calabria”

di Gabriella Andriani* – Pur comprendendo lo sfogo del Sindaco di Catanzaro, il quale a …