Home / Primo piano / Reggio Calabria – Grande attesa per Goran Bregovic al teatro “Cilea”

Reggio Calabria – Grande attesa per Goran Bregovic al teatro “Cilea”

di Grazia Candido – Grande attesa per il concerto di Goran Bregovic al teatro “Francesco Cilea” di Reggio Calabria.
Un evento unico, il concerto più atteso della stagione teatrale di Polis Cultura che, per il prossimo 15 Aprile, all’interno della kermesse “Le maschere e i volti”, sceglie di fare un regalo alla città dello Stretto portando un compositore contemporaneo che ha inventato una musica universale e assolutamente sua.

“Io sono di Sarajevo, sono nato su una frontiera: l’unica dove si incontravano ortodossi, cattolici, ebrei e musulmani. Mio papà è cattolico, mia mamma è ortodossa, mia moglie è musulmana. E mi sento anche un po’ gitano, forse perché per mio padre, colonnello dell’esercito, era inaccettabile che facessi il musicista, un mestiere “da gitano”, come diceva lui” – dice Goran Bregovic.
Cinque anni dopo l’album Champagne for Gypsies, Bregovic torna con una nuova produzione incentrata sul tema della diversità religiosa e della coesistenza pacifica: “Three Letters from Sarajevo”, in esclusiva per la Calabria il 15 Aprile al teatro “Cilea”, penultimo appuntamento della entusiasmante stagione della Polis Cultura.
“La rassegna di grande successo “Le maschere e i volti”, anche quest’anno ha presentato un cartellone tra i più belli del Sud Italia portando a Reggio Calabria grandi nomi e grandi allestimenti dello spettacolo italiano che stanno circuitando nei teatri più importanti d’Italia per la stagione 2018/2019 – afferma il patron Lillo Chilà – Pensiamo agli allestimenti di grande successo dei teatri come il Brancaccio o il Sistina (“Aggiungi un posto a tavola”, “Il Conte Tacchia”) o appunto l’evento Bregovic che dopo “Gli Arcimboldi” di Milano arriverà al Cilea per raccontare in musica la sua di città”.
La storia di Sarajevo con le sue tante credenze, identità, con i suoi complessi paradossi ha ispirato Goran a comporre il nuovo album al quale hanno partecipato voci meravigliose come quelle di Bebe, Riff Cohen, Rachid Taha, Asaf Avidan.
“Pochi musicisti sono riusciti a sviluppare un’arte così varia, che combina insieme una grande varietà di stili e tecniche senza perdere la propria identità – continua Chilà – Un pezzo di Bregovic può essere riconosciuto al primissimo ascolto e sembra sempre diretto al mondo intero, senza distinzione di razza, sesso, età e religione”.
Bregovic per il live di Aprile sarà accompagnato da un’orchestra di 19 elementi e, durante la serata, non mancheranno le pluripremiate colonne sonore per il cinema che ha composto per il grande regista Emir Kusturica (“Il tempo dei Gitani”, “Underground”, “Gatto nero Gatto bianco”) e ancora per le prestigiose pellicole come La Regina Margot”, “Train de vie”.
“Insomma, Goran Bregovic è un maestro che è riuscito a fare qualcosa di unico, mettendo insieme l’austerità della musica da camera all’espressività del folklore, gipsy al funky, l’house alla classica – conclude il patron di Polis Cultura, Lillo Chilà – Col suo completo bianco, ha illuminato un’intera platea contagiandola con una inarrestabile voglia di vivere. Spente le luci, la vita torna alla normalità, ma con una consapevolezza in più: le differenze sono un punto di forza. Reggio Calabria non può assolutamente perdere questo concerto”.

Leggi qui!

Reggio Calabria – Presentazione del libro di Francesco Bevilacqua

Sabato 27 aprile 2019 alle ore 18:00, presso la sede del Club Alpino Italiano sezione …