Home / CALABRIA / Reggio Calabria – Vertenza Atam, riunione dei sindacati

Reggio Calabria – Vertenza Atam, riunione dei sindacati

Oggi si sono incontrate le OO.SS.  Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uitrasporti, Ugl Trasporti e Faisa-Cisal per definire la vertenza ATAM che ormai versa in una fase delicata e complessa rispetto le condizioni economiche, finanziarie  e rispetto le necessità più banali per lo svolgimento del normale servizio. E’ quanto si legge in una nota diffusa dalle segreterie territoriali e provinciali e la RSA ATAM.

 

RICORDIAMO AL COMUNE di Reggio Calabria che non è possibile vivere di rendita. E’ ora, che le volontà politiche per l’azienda di trasporto pubblico metropolitano, in uno scenario normativo mutato e con l’imminente scadenza di settembre 2019 termine ultimo per la gare di appalto nel TPL, vengano tradotte in indirizzi strategici condivisi con le OO.SS.

Le parti inoltre hanno ravvisato una forte necessità di istaurare, oggi più che mai, corrette relazioni sindacali ed industriali poiché negli ultimi tempi l’azienda tende a non fornire la puntuale informativa alle OO.SS.contribuendo a creare un clima di sfiducia e demotivazione tra i lavoratori rendendo insostenibile, oltre che preoccupante, il rapporto con i lavoratori e lo stesso sindacato. Oltre a sopportare i “normali ritardi” nell’erogazione degli stipendi non è accettabile da parte delle OO.SS.non conoscere la data della retribuzione relativa allo stipendio di dicembre 2018, argomento prioritario e indispensabileper i lavoratori che giornalmente devono fare i conti con scadenze e impegni familiari. L’incontro di oggi ha rafforzato l’unità delle OO.SS. e le stesse sono decise a determinarsi con aperture di procedure di raffreddamento con conseguenti azioni di protesta. Ricordiamo inoltre che nessun seguito ha avuto l’incontro del 19 luglio 2018 presso la Prefettura di Reggio Calabria, sulle problematiche delle infrastrutture di proprietà e agli investimenti per l’implementazione dei mezzi in dotazione. Pretendiamo che tali incontri non rimangano come atto di mero compitino per sedare gli animi e rinviare la soluzioni agli annosi problemi che interessano anche il tema della sicurezza e della  prevenzione delle malattie professionali. E’ necessario individuare soluzioni alle croniche difficoltà economiche cui versa l’azienda e comprendere come il Comune di Reggio Calabria e l’ATAM spa  intendano competere nei futuri assetti del trasporto pubblico locale quando i servizi verranno assegnati attraverso i “Bandi di gara”. Ovviamente l’azione del sindacato guarda fortemente la tutela dei lavoratori in forza, gli stessi che ogni giorno si impongono di garantire servizi nonostante l’organico, che oggi, risulta insufficiente per le esigenze e lo svolgimento del servizio. Sacrifici cui bisogna dare risposta e garantire la piena occupazione e i diritti fondamentali del lavoro e della mobilità per i cittadini. È già in atto una richiesta di assemblea per i lavoratori ATAM programmata per il 10 gennaio p.v. per delineare un programma di azioni forti, frutto della necessità di intervenire per tempo oltre sulle questioni citate, anche per un piano industriale adeguato, che possa garantire certezza e continuità. Non possiamo attendere di subire il collasso di un’azienda già salvata in extremis per debiti accumulati.

 

Le segreterie territoriali e provinciali e la RSA ATAM

Leggi qui!

Rende (Cs) – Otto nuovi scuolabus alimentati dal biometano

“Non si può dir di no ad una proposta di questo tipo. Sono qui per …