Home / In evidenza / Reggio Calabria – Dodi Battaglia al Cilea perché “c’è una storia che non può finire”

Reggio Calabria – Dodi Battaglia al Cilea perché “c’è una storia che non può finire”

di Grazia Candido (foto Antonio Sollazzo) – E’ un viaggio tra quelle canzoni poco sentite ma tanto amate dal pubblico dei Pooh, un incantevole viaggio tra versi e volti per riscoprire quelle “perle” chiuse per troppo tempo in un cassetto. Ieri sera, al teatro “Francesco Cilea”, il chitarrista stimato a livello internazionale Dodi Battaglia, insieme alla sua band composta da sei straordinari musicisti, si racconta con il live “Perle – Mondi senza età” proponendo per oltre due ore di concerto, quelle canzoni dei Pooh non proposte spesso dal vivo, “perle” che sono rimaste nei cuori delle persone per anni.

L’acustica è perfetta, si vede e si coglie già dalle prime note, l’unione tra i musicisti che iniziano a scolpire brano dopo brano, un progetto artistico desiderato.
“Io in una storia”, “Classe ’58”, “Senza musica e senza parole”, “Sei Tua Sei Mia”, “Cara bellissima” sono solo alcune delle canzoni che Dodi ha scelto di fare nella sua festa della musica, in quel ritrovarsi insieme tra amici comuni condividendo ricordi ed emozioni.
“Prima dei Pooh ero un semplice chitarrista poi ho iniziato a cantare e ad un certo punto, il mio produttore Giancarlo Lucarriello mi ha detto visto che suoni e canti bene, perchè non provi a scrivere qualche canzone – inizia a dialogare così Dodi con i suoi fan – Incomincia così una lunga ma bella carriera e il primo brano che ho scritto è questo con il quale ho deciso di aprire il concerto. Sarà un bellissimo viaggio per me e i miei amici musicisti, un’emozione fortissima ogni sera e crediamo che lo sarà anche per voi. Siamo contenti di aver intrapreso il tour con questo repertorio perché credo che sarebbe stato un peccato lasciare certi brani in un cassetto senza una seconda possibilità, senza l’opportunità di avere un successo come lo sta avendo questo tour”.
In sala, sono presenti anche tanti bambini che innalzano al loro beniamino cartelli con la scritta “Mondi senza età – il grande popolo dei Pooh”, un cuore rosso grande disegnato che batte solo per Dodi. E il chitarrista bolognese ne è compiaciuto perché sotto la bravura, la capacità tecnica ed il saper gestire il proprio dono, c’è sempre una persona, un uomo che si emoziona e che vuole condividere ancora con il suo pubblico un grande patrimonio fatto di suoni e parole perché “c’è una storia che non può finire”.
Dodi è stato sempre un artista corretto, leale, capace di tenere alto l’amore ed il rispetto per la musica dei Pooh e lo ha dimostrato in questo live nel quale regala anche un’altra perla, un brano inedito firmato dall’amico e collega scomparso Giorgio Faletti, un singolo intenso ma allo stesso tempo, delicato a cui il chitarrista ha lavorato per mesi e inserirà nel disco live “Terre”.
“Grazie davvero e grazie a Reggio Calabria per l’ospitalità – aggiunge Dodi prima di lasciarsi andare in un assolo di chitarra semplicemente unico – Non avevo dubbi fosse fantastica, qui ho tanti amici ai quali voglio bene e ogni volta che vengo, mi sento a casa. Voi non le vedete, ma ci sono delle telecamere perchè stiamo registrando il cd che uscirà a metà Marzo e si intitola “Terre”. In questo cd, ci saranno pezzi del concerto e anche un brano che ho scritto con il caro amico Giorgio Faletti con il quale ho condiviso esperienze bellissime. Grazie Giorgio per l’amicizia e l’affetto che hai avuto per me, per tutti noi, per le cose che hai scritto”.
Il tempo scorre velocemente e quel viaggio continua alla scoperta di nuove mete ma Dodi non può lasciare Reggio Calabria senza prima fare un augurio: “Come augurio di buon anno, di buona vita farò un brano che contrariamente ai brani suonati sino adesso, è stato scritto dall’amico Stefano D’Orazio, un grande autore di testi. E’ un messaggio che io lascio a voi e lo dedico a Stefano – conclude il musicista cantando un’emozionante versione di “Vita”.
“Nella vita c’è un destino sempre e nessuno nasce mai per niente. Vivere è il mestiere dei perché, ma è il più bello che c’è…”.




Leggi qui!

Filcams Cgil Calabria, Giuseppe Valentino eletto nuovo segretario regionale

Passaggio di consegne, questa mattina, nella Filcams Cgil Calabria: Giuseppe Valentino è stato eletto nuovo …