Home / Primo piano / La ‘ndrangheta infiltrata anche in Valle d’Aosta

La ‘ndrangheta infiltrata anche in Valle d’Aosta

Ci sono anche tre politici tra le persone coinvolte nell’inchiesta condotta dalla Direzione distrettuale antimafia di Torino sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Valle d’Aosta. I carabinieri hanno infatti arrestato il consigliere regionale Marco Sorbara, eletto nelle fila dell’Union Valdotaine, per il quale si sono aperte i cancelli del carcere. Tra gli arrestati ci sono anche un assessore comunale di Saint-Pierre (Aosta, Monica Carcera, e un consigliere comunale di Aosta, Nicola Prettico (dipendente anche del Casinò di St-Vincent). Nell’inchiesta risulta coinvolto, in qualità di indagato, un noto avvocato penalista torinese.

Secondo l’accusa ad Aosta sarebbe stata creata una vera e propria “locale” di ‘ndrangheta guidata da Marco Di Donato in qualità di capo mentre Bruno Nirta e Antonio Raso erano i promotori e gli organizzatori. L’inchiesta ha anche accertato che l’organizzazione era dedita al narcotraffico, anche internazionale (tra Spagna e Italia), principalmente di cocaina. Il sodalizio ‘ndranghetista scoperto dai carabinieri ha interferito nella politica locale, sostenendo le candidature, facendo eleggere nel Consiglio comunale di Aosta uno degli associati, supportando l’azione politica e ricevendo vantaggi dagli eletti. Le indagini hanno anche documentato un chiaro tentativo di “scambio elettorale politico-mafioso” effettuato da Antonio Raso nei confronti di un referente regionale di partito.

Leggi qui!

Distribuzione gratuita di vestiario nuovo a Caulonia

Dopo l’ottimo risultato delle distribuzioni effettuate nei mesi scorsi presso la sede Re.Co.Sol. di Caulonia …