• Home / CALABRIA / Fit Cisl Calabria: “Porto di Gioia Tauro, cresce la crisi delle attività”
    Il porto di Gioia Tauro perde pezzi, spera nella Zes, ma il MIT è attento

    Fit Cisl Calabria: “Porto di Gioia Tauro, cresce la crisi delle attività”

    Le sempre più impellenti questioni che affliggono la vita lavorativa, economica e produttiva nel porto e nell’area portuale di Gioia Tauro, tardano a registrare le attese soluzioni dipendenti dall’attuazione delle opere infrastrutturali e dagli insediamenti produttivi ampiamente condivisi a livello territoriale, regionale e nazionale. Ben vengano i Ministri e Parlamentari ma non per fare passerelle e visite che non portano in dote idee e atti sostanziali per uscire da una crisi senza precedenti. Bisogna avviare i cantieri di quanto già condiviso ed esplicitato nell’APQ del 26 luglio 2016 che non va disatteso ma valorizzato e meglio sostenuto in termini procedurali e finanziari. E’ quanto si legge in una nota diffusa da Annibale Fiorenza (Fit Cisl Calabria)

    È dal 10 settembre 2018 che attendiamo la ripresa di un confronto, presso il MIT con tutti i soggetti in causa.  Un confronto arenatosi nel diffondersi delle tante emergenze nazionali tra le quali, comunque, questa del Porto di Gioia Tauro, va inquadrata tra le priorità e non trascurata e sottovalutata.

    Le recenti sentenze che portano al reintegro dei lavoratori portuali già licenziati, ci consegnano un giusto atto di trasparenza legale ma anche una eccezionale urgenza di accelerare su tutti gli elementi che possono garantire la loro proficua utilizzazione e una stabilità lavorativa, ad oggi, molto incerta per tutta la forza lavoro coinvolta.

    Anche per i più distratti dovrebbe essere fin troppo evidente che le condizioni di crisi e le persistenti difficoltà riorganizzative ed espansive, della compagine societaria MCT, sono allarmanti ed è giusto che, nel permanere di tali condizioni, si possa procedere a una oculata rivisitazione della concessione delle banchine e dei piazzali con l’intento di aprire all’approdo di nuovi operatori. Le attività di “Transhipment” che già nel 2017 avevano registrato un – 11% e il licenziamento di 377 lavoratori, chiudono il 2018 sprofondando verso circa un – 17% rispetto all’anno 2016, quando, in data 26 luglio, “Istituzioni, Imprese e OO.SS.”, per fronteggiare l’emergenza sociale, sono riuscite a sviluppare e sottoscrivere il sopracitato “Accordo Quadro” ad oggi in forte ritardo sui capisaldi che puntavano al rilancio e allo sviluppo delle attività portuali,  industriali, commerciali e trasportistiche nell’intera Area, portando in dote strumenti come “l’Agenzia per il lavoro portuale”pensata per dare sostegno economico ai lavoratori fuori dal ciclo produttivo e per garantire percorsi di formazione e di ricollocazione lavorativa.

    Questo resta il vulnus delle possibili azioni sinergiche utili a portarci fuori dal guado che sta mettendo a serio rischio il futuro strategico ed economico dell’infrastruttura e della Calabria.

    In questo contesto, a salvaguardia di tutti i lavoratori, c’è bisogno di riconsiderare le soluzioni più immediate e idonee a scongiurare il fallimento di ogni prospettiva di rilancio strategico e produttivo dell’intera area portuale, a partire, dal comparto trainante che è quello del trasporto marittimo internazionale e intermodale nazionale. In quest’ottica, alla società MCT, sollecitiamo di attuare gli investimenti di cui ha preso impegno nell’APQ e convocare, al più presto, le parti sociali per accelerare un percorso, non di sopravvivenza, ma di uscita dal tunnel della crisi.Contestualmente non consentiremo passi indietro sugli obiettivi, già condivisi e sottoscritti. L’attivazione della “Zona Economica Speciale”, la realizzazione del “Bacino di carenaggio”, del “Polo della logistica integrata con l’attivazione del gateway ferroviario”, il rilancio delle “Attività di Transhipment” e l’avvio di nuove attività produttive sull’intero territorio ricompreso nella “ZES” restano i nostri punti fermi.

    Al Governo Nazionale, all’Autorità Portuale e alla Regione Calabria, si chiede di salvaguardare il valore e le potenzialità della infrastruttura calabrese che resta uno dei 14 “Porti Core” sulla “Rete TEN-T” e nodo strategico nel Mediterraneo. In quest’ottica chiediamo un’immediata ripresa del confronto e un concreto impegno del “Governo Nazionale” sulle determinazioni urgenti e indifferibile sia sui contenuti delle concessioni e sia sugli assetti territoriali e di governo della nuova “Autorità di Sistema Portuale”che, per noi, non può prescindere dall’unità operativa e funzionale dell’intero sistema portuale calabrese.

    Annibale Fiorenza

    (Segretario Generale Regionale)