Home / Primo piano / A “Italia Sì” su Rai Uno Gigi Miseferi parla dell’amico Giacomo Battaglia

A “Italia Sì” su Rai Uno Gigi Miseferi parla dell’amico Giacomo Battaglia

di Grazia Candido – In questi mesi difficili, è riuscito a mantenere acceso il sorriso e la voglia di continuare un percorso artistico come se fossero ancora insieme con l’amico fraterno Giacomo, compagno di tante avventure televisive e teatrali.

Ma soprattutto, non ha mai fatto spegnere le luci sul collega Battaglia al quale va sempre il suo primo pensiero al mattino e l’ultimo la sera prima di chiudere un’altra faticosa giornata.
Di questo straordinario rapporto con Giacomo ma anche di tanto altro, ne parlerà questo pomeriggio Gigi Miseferi al programma “Italia sì” condotto da Marco Liorni su Rai Uno.
Dallo “speaker corner” al centro dello studio, l’attore reggino racconterà di sé e del duo “Battaglia e Miseferi” attraverso foto, aneddoti, curiosità.
Inoltre, “per la prima volta, ci anticipa l’attore comico, rivelerò quanto di drammatico è accaduto al mio amico Giacomo. Per cui sarà l’occasione di dare alle migliaia di persone che, in questi mesi, mi hanno scritto attraverso le mie pagine social o fermato per strada, “notizie ufficiali” sulle sue attuali condizioni. Con me, negli studi di Via Teulada – aggiunge ancora – ci sarà la mia Band Larga, insieme alla quale proporrò dei successi di Swing come “Baciami piccina”, “Tu vuò fà l’americano” ed un’altra sorpresa che non vi posso svelare rivolgendo sempre, con il sorriso sulle labbra, un pensiero a mio fratello Giacomo”.
Un altro modo per far sentire l’affetto e l’amore puro al nostro Giacomo impegnato in una grande e difficile battaglia con la vita e alla quale da mesi, partecipa tutta la Calabria e non solo, perché il duo “Battaglia e Miseferi” è riuscito ad entrare nelle case italiane grazie all’innata gentilezza, alla solarità tipica degli uomini del Sud, alla capziosa ironia nel raccontare le cose anche quelle più “drammatiche”.
E questo pomeriggio alle ore 16,40, Gigi regalerà al pubblico un racconto inedito, carico di emozioni e speranza, speranza nel poter riabbracciare presto Giacomo e anche, rivedere lo straordinario duo all’opera con i simpaticissimi sketch.
Nei ricordi di Gigi, è ancora vivo l’inizio a casa di mamma Rai, nel 1990 quando insieme a Giacomo entrarono al Bagaglino e “come ogni nuova esperienza, eravamo emozionati, felici ed impauriti – continua Gigi – Pian piano, riuscimmo a spostare la parola Reggio Calabria dalla pagina della cronaca nera a quella dello spettacolo e la gente iniziò a guardare oltre, a capire che questa terra non è solo ‘ndrangheta. Era un periodo buio per la città ma siamo riusciti a rialzarci, a far uscire le nostre bellezze, il volto vero e pulito di Reggio e della Calabria”.
Gigi sa, e lo sosteneva anche Giacomo, che “non vi è nulla di inespugnabile per chi sa osare” e il duo reggino ha osato tanto trasformando un grande sogno in una bella ed unica realtà.

Leggi qui!

Flixbus: “Sconti nei musei di Milano e Catania per chi parte dalla Calabria”

“Nel 2017 il patrimonio culturale italiano vanta 4.889 musei e istituti similari, pubblici e privati, …