Home / In evidenza / Ripartiti i lavori ricostruzione litorale Montebello-Scilla

Ripartiti i lavori ricostruzione litorale Montebello-Scilla

La Pro Loco Reggio Sud informa la cittadinanza che sono ripartiti i lavori relativi a: “Intervento integrato per il completamento delle opere di difesa costiera e ricostruzione del litorale (Montebello-Scilla) – I° Stralcio funzionale-Committente Regione Calabria-Finanziamento Fondi delibera CIPE 87/2012, con data consegna lavori 26 Settembre 2017 e durata 192 gg (così come si evince anche dal cartello posto nell’area di cantiere).

Questo non è sicuramente un plauso per la classe politica di una città dove si annunciano opere ma non vi sono poi i controlli per realizzarli nei tempi attesi. Infatti , finito questo tratto, siamo fortemente preoccupati e vogliamo oggi porre l’attenzione su quello che succederà a seguire sul litorale verso nord. Ad oggi ci ritroviamo a segnalare agli enti competenti l’assenza di successivi progetti, per non incorrere nuovamente in pagine già scritte di una morte annunciata, quella della scomparsa del litorale fino a Punta Pellaro. Località che piano piano sta diventando, grazie alla sua natura, punto di attrazione per la pratica degli sport quali il Kitesurf e windsurf, grazie al vento che soffia 300 giorni l’anno e per avere al suo interno un oasi naturalistica, non ancora tutelata a dovere. Ricordiamo che le opere di salvaguardia costiera che la ns Pro Loco segue da ben 7 anni prevedevano per l’appunto un progetto iniziale che partiva da Punta Pellaro verso Punta Calypso e che per effetto di lungaggini burocratiche e per la somma urgenza verificatesi prima a sud, è partito dal lato opposto, generando via via la scomparsa di tutta la costa. Protetto successivamente parzialmente, oggi il litorale si ritrova a vedere i frutti della ritrovata spiaggia solo al Lido Calypso, trascorsi ormai 6 anni dalla fine delle opere. Dunque si richiedono ulteriori interventi ma su tutto il resto del litorale, ritornando indietro da sud verso nord, risistemando le opere parziali effettuate, solo nel rincorrere la somma urgenza verificatosi negli anni fino ad arrivare oggi davanti al Lido Sciao Beach. Proprio per arrivare alla “tutela e rinascita di tutto il litorale” del suddetto territorio la ns associazione da anni mette in campo tutte le azioni possibili, di sensibilizzazione e di denuncia, per incalzare le istituzioni, dai dibattiti a più voci come “S.O.S. Salviamo la spiaggia di Bocale”,petizione popolare, articoli e servizi giornalistici sui quotidiani locali, per arrivare fino alla stampa nazionale attraverso la messa in onda di due servizi su Canale 5 durante il Tg Satirico di “Striscia la Notizia”, tutto ciò per mantenere viva l’attenzione, come un faro acceso su un problema divenuto atavico purtroppo dovuto anche ad una classe dirigente che non sempre ha adottato scelte e politiche adeguate per la tutela del territorio, che a sua volta si vede defraudato non solo della spiaggia ma anche dei posti di lavoro che sono venuti meno in questi anni a seguito della scomparsa delle attività balneari che esistevano sul litorale. Dunque continueremo a vigilare affinché anche questa volta le opere, appena ripartite con ben due mesi di ritardo, non si fermino ma soprattutto spronando ancora gli enti, con tutti i mezzi a ns disposizione affinchè tutti i cittadini possano riappropriarsi e godere della propria spiaggia per poi rivedere anche i turisti che magari sceglieranno di nuovo questa zona come meta delle proprie vacanze.

Leggi qui!

Presidente della Federazione Italiana Circoli Enogastronomici in visita in Calabria

Marco Porzio, Presidente della FICE, nell’ambito del convivio organizzato dalla Confraternita della Frittola Calabrese e …