Home / In evidenza / Reggio Calabria – Marco De Gaudio: “L’amore da sempre muove il mondo”
Marco De Gaudio attore

Reggio Calabria – Marco De Gaudio: “L’amore da sempre muove il mondo”

di Grazia Candido – I suoi occhi azzurri lasciano trasparire l’incanto e la dolcezza di un giovane che ama il teatro, che lo vive con il corpo, con la mente, con il cuore. Marco De Gaudio indossa i panni “pesanti” di William Shakespeare e lo fa con una disinvoltura come se questo adattamento teatrale di “Shakespeare in love”, diretto da Giampiero Solari e Bruno Fornasari in scena al teatro “Francesco Cilea” grazie alla PolisCultura di Lillo Chilà, non fosse il capolavoro cinematografico vincitore di 7 premi Oscar, con protagonisti Gwyneth Paltrow e Joseph Fiennes. Prima di salire sul palco, riusciamo a scambiare qualche battuta con il giovane Will, alias Marco fiorentino doc ma con origini calabresi.

Marco sei nato a Firenze ma possiamo dire che sei anche un po’ cosentino?
“Diciamo di sì, mio nonno era di Trebisacce, comune della provincia di Cosenza e mi ha parlato tantissimo di questa terra, di Reggio Calabria dove hanno vissuto altri parenti e delle bellezze della Calabria. Domani (oggi ndr) mi farò una passeggiata in Via Filippini, una zona molto familiare alla mia nonna. Voglio respirare, vivere anche se per poco, la vostra storia”.
Parliamo ora di “Shakespeare in love” un’opera intramontabile, sempre attuale ma anche molto difficile da affrontare.
“Per me, è un grande privilegio e onore poter interpretare il ruolo di Will, un giovane artista che lavora per il teatro “The Rose” e sperimenta una crisi devastante come scrittore finchè non incontra la luce della sua vita, il grande amore. Grazie alla nobildonna Viola De Lesseps, Will ritrova la sua ispirazione e scriverà la più grande tragedia d’amore di tutti i tempi che noi conosciamo, Romeo e Giulietta”.
Ma come è stato indossare i panni di Shakespeare? Visto la tua giovane età, non hai avuto paura a confrontarti con il più eminente drammaturgo della cultura occidentale?
“All’inizio, ho avuto una grande paura per la responsabilità di essere il più grande drammaturgo di tutti i tempi, però il testo teatrale e il film non raccontano tanto Shakespeare in quanto icona, genio ma lo umanizzano molto come figura. E questo mi ha permesso di mettere del mio che poi, in realtà, è quello che non si conosce di Shakespeare. Will è un giovane ragazzo che lotta duramente per diventare qualcuno professionalmente, per l’amore della sua vita e, per interpretarlo, sono partito da questo altrimenti sarebbe stato impossibile. Tuffandomi nel testo e aiutato dai miei colleghi, dai registi che ci hanno guidato in questo viaggio e grazie alla nostra immaginazione, siamo arrivati al buon risultato di oggi”.
Il pubblico apprezza il grande sforzo fatto da una compagnia composta da giovani attori che racconta una bella storia d’amore ma anche la fatica di realizzare un sogno.
“E’ una grande storia d’amore ed è una storia del teatro nel teatro. Chi è curioso del teatro, scoprirà tanti aneddoti e tutto ciò che accade dietro le quinte durante l’allestimento di un’opera ambientata in un’epoca elisabettiana. Lo spettatore sarà catapultato in un affascinante contesto storico e ritroverà i colori, la musica, la vita di quell’ambiente. Siamo 19 attori, è un’opera corale e con noi c’è un cane Gulliver, la nostra mascotte, il cane preferito della regina Elisabetta. Quest’opera poi, parla di due persone che sognano al di là dell’amore, parla dei sogni, ci mostra un Will che sogna di diventare un grande scrittore e Viola invece, sogna di essere una grande attrice. Entrambi riescono a realizzare il sogno grazie al loro amore e a tutto il bene che si fanno a vicenda. Will è un curioso, un ribelle ma più di tutto, è un resiliente che crede fino in fondo in se stesso, in quello che vuole diventare e, lottando attraverso tanti alti e bassi, riesce a realizzarlo. “Shakespeare in love” è una storia molto stimolante nel senso che Will fa fare agli spettatori un viaggio attoriale spronandoli a credere in qualcosa”.
Insieme a te sul palco la bellissima Lucia Lavia. Com’è il vostro rapporto?
“Sono molto contento che le nostre strade si siano incrociate, non avevamo mai lavorato insieme ma è stato un bellissimo incontro professionale. Lucia è una bravissima attrice, un grande esempio di professionlaità e mostra passione e dedizione per questo lavoro. E poi, insieme raccontiamo la forza dell’amore. Un sentimento che muove il mondo, da sempre. E visto che ci avviciniamo al Natale, non mi resta che augurare, tanto amore per tutti”.

Leggi qui!

Pon Metro: Reggio Calabria presente al Comitato di Sorveglianza di Cagliari

Alla delegazione reggina guidata dall’assessore alle Politiche comunitarie del Comune di Reggio Calabria, avv. Giuseppe …