Home / In evidenza / Meridionali Intonaci, Confindustria: ‘Minacciata dalla mala burocrazia’

Meridionali Intonaci, Confindustria: ‘Minacciata dalla mala burocrazia’

“Mi sono recato personalmente nella sede della Ditta Meridionale
Intonaci di Canolo per avere un confronto con l’imprenditore Gullaci e
farmi spiegare nel dettaglio la kafkiana vicenda che sta mettendo a
rischio la sua azienda”. Lo afferma il presidente di Confindustria
Reggio Calabria, Giuseppe Nucera. Il rappresentante degli industriali
reggini, nei giorni scorsi, ha voluto testimoniare personalmente la
propria vicinanza alla famiglia Gullaci “che da oltre mezzo secolo
rappresenta un punto di riferimento per il mondo imprenditoriale e per
l’intera comunità di Canolo. Una realtà solida che, come Confindustria,
avvertiamo il dovere di tutelare, schierandoci al suo fianco nella
battaglia per la sopravvivenza della sua azienda, oggi incredibilmente
minacciata da quella che non possiamo che definire ‘malaburocrazia’”.
Spiega Nucera: “Ormai da tre anni, secondo quanto mi è stato spiegato
dall’imprenditore, è stato richiesto il rinnovo della concessione
novennale per estrarre il materiale da cava, indispensabile per la
prosecuzione dell’attività dell’azienda. Dopo tutto questo tempo,
nonostante la formalizzazione dell’istanza e le reiterate richieste,
nulla si è mosso. E anche gli ultimissimi contatti con le autorità
competenti si sono rivelati fino a questo momento inefficaci. Dinanzi a
tale incertezza, Gullaci non ha potuto fare altro, con la morte nel
cuore, che inviare il preavviso di licenziamento ai suoi dipendenti. Ci
troviamo di fronte alla concreta possibilità che trenta persone restino
senza lavoro e che vadano ad ingrossare le già nutritissime file dei
disoccupati di questo territorio. Si annuncia un Natale durissimo per i
dipendenti e le loro famiglie che intravedono la prospettiva del baratro
della disoccupazione. E un analogo discorso va fatto riguardo alle oltre
venti unità che, attraverso l’indotto, riuscivano a muovere l’economia
del territorio e a guadagnarsi onestamente da vivere”. Il presidente di
Confindustria Reggio Calabria ha informato della vicenda il prefetto
della provincia, Michele Di Bari, che ha ringraziato “per la sensibilità
e l’attenzione all’ascolto”. Adesso Nucera esprime l’auspicio che
“qualcosa possa finalmente sbloccarsi perché è inaccettabile che,
soprattutto in una terra così povera e in una fase economica così
difficile per le aziende del territorio, ci siano imprese che chiudono
per l’inefficienza della pubblica amministrazione. Crediamo che sulla
questione della Ditta Meridionale Intonaci sia necessario fare piena
luce per capire a che punto e perché il procedimento di rinnovo della
concessione si sia interrotto. Sarebbe stato mille volte meglio un
diniego tempestivo piuttosto che un silenzio così prolungato, un muro di
gomma degno di ben altra causa. Qualche tempo fa, un vecchio presidente
della Confindustria calabrese parlava dell’esistenza di una ‘mafia con
la penna’. Mi auguro vivamente che nel caso della Meridionale Intonaci –
conclude Giuseppe Nucera – non siamo in presenza di una vicenda di
questo tipo, perché sarebbe davvero un colpo durissimo per quanti,
nonostante tutto, continuano a investire in questa terra. Ma soprattutto
lo sarebbe per le speranze dei giovani che non si piegano alla
‘ndrangheta, che non vogliono emigrare e che non si arrendono all’idea
che la Calabria sia condannata all’arretratezza e al sottosviluppo”.

Leggi qui!

Scomparso un uomo nel reggino. Avviate le ricerche

di Annalisa Costanzo – Sono trascorse più di ventiquattro ore da quando di un 47 …