Home / In evidenza / Gioia Tauro – Controllo dei carabinieri finalizzato alla repressione reati predatori

Gioia Tauro – Controllo dei carabinieri finalizzato alla repressione reati predatori

Nel corso della settimana, i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, col supporto di personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria di Vibo Valentia, sono stati impegnati in un servizio coordinato di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori, che ha interessato i Comuni di Gioia Tauro, Rosarno e Galatro.

Nel corso del servizio, che ha visto impiegati circa 70 militari dell’Arma dei Carabinieri, sono state controllate complessivamente 121 persone e 62 veicoli, eseguite 14 perquisizioni domiciliari e 16 personali, e deferite in stato di arresto all’Autorità Giudiziaria 6 persone.
In particolare, nella tarda serata di martedì, i Carabinieri della Stazione di Galatro hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per furto aggravato in concorso, Cuppari Rocco, 42enne, e Ritorto Domenico, 22enne, perché, dopo essersi introdotti con un autocarro all’interno di un fondo agricolo in Contrada Izzi di Galatro, venivano sorpresi mentre asportavano a circa 31 quintali di legna per un valore complessivo pari a euro 300,00.
Mercoledì scorso, invece, i militari della Stazione di Gioia Tauro hanno dato esecuzione a due distinti ordini di esecuzione per la carcerazione, emessi dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello di Catanzaro, nei confronti di De Maio Rocco, 48enne e Gentiluomo Eugenio, 64enne, perché entrambi riconosciuti definitivamente colpevoli di tentata estorsione in concorso, in relazione a fatti commessi a Pizzo (VV) dal maggio all’ottobre 2013, e per i quali dovranno scontare la pena residua di un anno e mezzo di reclusione in regime carcerario.
A Rosarno, nella mattinata di ieri, i militari della locale Tenenza, assieme a personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria di Vibo Valentia, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per furto aggravato in concorso, i coniugi D’Agostino Angelo, 36enne e Elia Antonella, 35enne, poiché, all’esito di un controllo domiciliare, veniva accertato che entrambi, mediante forzatura del contatore del gas ed applicazione di un bypass al contatore elettrico, sottraevano un ingente quantitativo di gas ed alteravano significativamente il consumo di energia elettrica all’interno della propria abitazione.
Nel corso delle successive operazioni di perquisizione all’interno dell’abitazione ceduta in locazione ai coniugi, i militari hanno altresì rinvenuto, in una parete esterna del ballatoio pertinente alla camera da letto dell’abitazione, una botola murata dall’interno e con serratura a scatto, attraverso la quale si accedeva ad una stanza ormai in disuso e verosimilmente utilizzata in passato quale rifugio temporaneo.
Tutti gli arrestati, al termine delle operazioni di rito, sono stati messi a disposizione delle competenti Autorità Giudiziarie.

Leggi qui!

Manovra, Siclari (FI): “Calpestata la democrazia e i diritti degli italiani”

“Con il passaggio della manovra concluderanno un inter fatto di resistenze e forzature, di ritardi …