Home / Primo piano / Alessandro Haber nei panni di Charles Bukowski stasera sul palco di Catona Teatro

Alessandro Haber nei panni di Charles Bukowski stasera sul palco di Catona Teatro

di Domenico Grillone (foto di Aldo Antonio Fiorenza) – Un linguaggio diretto, crudo, spesso irriverente, trasgressivo. Ma maledettamente vero. Alessandro Haber si presenta così, psicologicamente già nei panni del suo Charles Bukowski, lo scrittore americano del “realismo crudo e sporco” (etichettato così dai media americani negli anni ‘70) che l’attore bolognese porterà per l’ennesima volta in scena, questa volta sul palco di Catona Teatro, unica data in Calabria, nell’ambito della nona stagione di “Tabularasa”.

Ed Haber lo fa dal 2002 da Nord a Sud della penisola, quando ne ha voglia, tra un film di successo e un altro (ne usciranno ben tre, entro la fine dell’anno, in cui Haber reciterà accanto ad altri importanti attori italiani) tra uno spettacolo teatrale e un altro, ed in format differenti, con musica ed immagini, o in versione “reading”. Ed è sempre stato un successo. Perché Haber è uno dei pochi a dare una voce e un tono al poeta, a vivere i suoi versi, le sue storie, quelle che hanno raccontato un’altra America, quella contro il perbenismo, l’establishment, i soprusi, la violenza, la guerra ed a favore dei diseredati.

“Non era un poeta semplice, non era amato da tutti – sottolinea Haber nel corso dell’incontro con i giornalisti svoltosi al Malavenda Cafè – ma la sua scrittura era unica, trasgressiva, alcune volte dolorosa, tragica. Bukowski rappresenta una voce che ormai si è persa. Una persona che non ha mai accettato un compromesso, il primo libro lo ha pubblicato a cinquant’anni. Ha bevuto, trasgredito, però ha sempre mantenuto fede con la sua forza e volontà alla sua logica, la sua etica. Non era un poeta semplice”. Stasera Haber sarà solo sul palco, quindi ancora più difficile, ma l’artista bolognese sfodererà il meglio di se stesso, come d’altronde ha sempre fatto raccogliendo consensi e commenti entusiasti. “Di solito faccio cose abbastanza uniche, coraggiose, controcorrente – dice tra l’altro Haber – i testi appartengono a tutti e c’è chi riesce a farli diventare qualcosa d’interessante. Ho conosciuto i testi di Bukowski sedici anni addietro, quando mi hanno proposto di fare un reading a Parma con musica ed immagini. E sul palco ho cominciato a rompere le parole, a trascinarle, a stracciarle, urlarle, ad intonarle con la musica, ed è diventata una cosa magica, io stesso sono rimasto sorpreso di cosa stavo facendo. Qualcuno alla fine dello spettacolo ha detto: ho visto Bukowski vivo”. Alla fine anche un pensiero alla nostra regione, “è meravigliosa, perché non è diventata come la Puglia? C’è un mare meraviglioso, la montagna, si mangia bene, non capisco perché il turista faccia fatica a venire da voi”. Stasera, quindi, “Tabularasa” propone una serata unica e indimenticabile per chi negli anni ’70 e ‘80 ha amato lo scrittore e poeta americano, ne ha divorato i libri. E per le nuove generazioni che continuano a scoprirlo e ad amarlo, facendolo diventare un “evergreen”, come le opere di un certo spessore culturale. E quelle di Bukowski, a dispetto di chi ancora continua a sminuirlo, brillano di luce propria, con la sua scrittura feroce, cruda, dal forte impatto emotivo e, quindi, senza tempo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Charles Bukowski e la sua America dei poveri, dei disadattati, degli ubriaconi e delle prostitute raccontata da Alessandro Haber che interpreta, recita, canta ma soprattutto vive i testi e le poesie originali per quasi due ore di spettacolo, attraverso una continua interazione con il pubblico.

Una serata che ci farà sorridere (talvolta amaramente) e riflettere, una serata che farà cadere tutte le maschere e i perbenismi che – poco o tanto – albergano in ciascuno di noi.

E, proprio per questo, sarà una serata che ci renderà, per una volta almeno, liberi di essere noi stessi.

Leggi qui!

Melito Porto Salvo (RC) – Esonda il torrente Tuccio: rottura alla condotta Sorical

E’ nuovamente esondato il torrente Tuccio, in località Musupuniti nel territorio di Melito Porto Salvo, …