Home / In evidenza / Reggio Calabria – L’urlo della Sorgente: “Ripulitemi e vergognatevi” (FOTO)
ingresso Sorgente a mare

Reggio Calabria – L’urlo della Sorgente: “Ripulitemi e vergognatevi” (FOTO)

di Grazia Candido – Si dice che non ci sia nulla di più bello del modo in cui tutte le volte il mare cerca di baciare la spiaggia e non importa quante volte viene mandato via. Peccato che molti, anzi troppi uomini non abbiano ancora capito che le spiagge, le strade, i quartieri, i monumenti, la natura nella sua infinita bellezza, vadano rispettati sempre. Sicuramente, non è rispettata dai cittadini la Sorgente, spiaggia a Sud della città sommersa da rifiuti, materiale edile, lastre di eternit, piastre di ferro, sostanze plastiche, mobili, sanitari, pneumatici, cumuli di vetri. Insomma, c’è davvero di tutto sulla spiaggia, nel sottopasso che porta a mare e lungo il tratto dall’incrocio di via delle Industrie fino al Torrente. Tutta spazzatura che inquina il nostro meraviglioso mare e che causa la morte di migliaia di esemplari ogni anno. Per quei pochi sfortunati che hanno avuto il piacere, forse solo iniziale, di fare un giro lungo il bagnasciuga, lo spettacolo è a dir poco imbarazzante. Vedere quei cumuli di ingombranti abilmente smistati da scellerati deturpatori ambientali tra i cespugli e sulla spiaggia, offende una città che, invece, andrebbe curata ed amata ogni giorno. La Sorgente, una delle spiagge più belle di Reggio, non può non essere oggetto di attenzione da parte dei cittadini e degli amministratori. Non possiamo ogni anno, con l’arrivo della stagione estiva, non poter usufruire di uno dei luoghi che fa parte del Parco Lineare Sud. Chi scarica quotidianamente ingombranti di ogni genere, non comprende che lattine, bottiglie e le famose microplastiche rilasciano sostanze inquinanti nocive per la salute e, oltre ad essere un grave pericolo igienico sanitario, gli scarti lasciati a deteriorarsi sotto il sole, sprigionano un odore nauseabondo.
Le immagini sono raccapriccianti e lo è ancor di più, l’urlo di una natura che chiede aiuto proprio a quegli uomini che, giorno per giorno, la stanno distruggendo. Dobbiamo fermare l’innata carenza di senso civico, dobbiamo far capire il significato e l’importanza di differenziare i rifiuti e soprattutto, non abbandonarli per strada.
E non nascondiamoci dietro la scusa che non c’è abbastanza chiarezza su cosa e come deve essere riciclato perché ce n’è molta su quando e dove si devono lasciare gli ingombranti.
Reggio Calabria non ha bisogno di “uomini sceriffi” a vigilare ma di uomini e donne che la tutelino. La Sorgente non può essere una discarica, non può diventare puntualmente un tappeto di immondizia.
Sulla sabbia “crescono” rifiuti di ogni genere e, pur scontando l’inefficienza di chi dovrebbe svolgere il servizio di igiene ambientale, chi abbandona gli ingombranti ed evidentemente sono in tanti, non ha a cuore la città né il suo più amato accesso al mare.
Non ci resta che guardare gli scatti che testimoniano l’effettivo stato della Sorgente. Chissà, forse a qualcuno toccheremo le corde del cuore e, per una volta, si vergognerà.
immondizia alla Sorgente
immondizia alla Sorgente
immondizia alla Sorgente
immondizia alla Sorgente
immondizia alla Sorgente
immondizia alla Sorgente



Immondizia alla Sorgente
Tunnel alla Sorgente
Tunnel alla Sorgente
Tunnel alla Sorgente

Leggi qui!

Investito pedone nella notte di Reggio Calabria: è grave

E’ stata la centralissima via Roma, a pochissimi metri dalla movida del sabato sera estivo …