Home / CITTA / Reggio Calabria / Reggio Calabria – Al Cilea cala il sipario sull’International Fashion Week 2018

Reggio Calabria – Al Cilea cala il sipario sull’International Fashion Week 2018

Successo assicurato per il secondo giorno di sfilate, ieri nel Salone Foyer del Teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria: si chiude col botto la terza edizione dell’International Fashion Week. A presentare l’evento, Alessandra Giulivo, presidente della Camera Nazionale Giovani Fashion Designer, che ha promosso la manifestazione in collaborazione con l’assessorato alle attività produttive e politiche giovanili del Comune di Reggio Calabria.

Ospite d’eccezione della serata, la nota attrice e scrittrice Claudia Conte, che questo pomeriggio, alle 18.30, presenterà il suo libro “Il vino e le rose” presso lo showroom Laruffa-Luppino di Reggio Calabria.

Cinque i personaggi premiati con il “Golden Muse Award”: distintisi particolarmente per le attività legate al mondo della Moda, dell’Imprenditoria, dell’Arte e della Cultura, le eccellenze internazionali del Made In Italy Vanessa Foglia e Stefano Blandaleone; Patrizia Casale, giornalista, organizzatrice di eventi ed esperta di comunicazione, che quest’anno festeggia vent’anni nel campo della moda; l’imprenditore, presidente nazionale Unsic Domenico Mamome, e Antonio Rositano, imprenditore, editore, organizzatore e direttore artistico di eventi, cofondatore della rivista NOZZE MAG.

Vanessa Foglia, nota per il suo marchio “Abitart”, crea total look di abiti e accessori che si compongono come quadri pittorici, disegnando l’anima più intima del vestito. Le creazioni della sua collezione Karma in passerella trasmettono un senso di leggerezza, con un tocco di eccentricità  data dai colori vivaci e decisi.

Stefano Blandaleone, invece, seguitissimo sui social, ha calcato i red carpet più famosi al mondo, dal Festival del Cinema di Cannes alla Mostra del Cinema di Venezia, dal Festival della Televisione di Monte Carlo alla Festa del Cinema di Roma; gli ospiti della serata hanno potuto ammirare i suoi meravigliosi abiti da sposa, che si ispirano ad uno stile classical chic, con un alto grado di sartorialità.

Eccellenze Internazionali e del Made in Italy, Fashion Designer, New Generation ed Accademie di Moda sono i contenitori previsti per i giovani artisti protagonisti delle sfilate.

La prima e unica eccellenza della serata a scendere in passerella è Noemi Azzurra Neto Dell’Acqua, legata indissolubilmente all’atelier di famiglia Davida Sposa, e veterana della Camera. Gli abiti che propone Noemi hanno tessuti e forme ricercate, per una sposa che si vuole sentire unica ma anche sbarazzina; immancabile per lei, il pantalone.

Per la categoria Fashion Designer, Margherita de Cles racconta una donna quasi “eterea”: l’ispirazione è etnica dato il suo legame con l’India, con preziosi crop top abbinati a colorate e leggere gonne in tulle.

Federica De Stefano è la seconda fashion designer a presentare la sua collezione di haute couture, che mostra tramite la ricerca di colori, l’uso di simbologie e la creazione di segni grafici espressivi, le tre fasi del percorso che dalla paura ci portano al raggiungimento della serenità.

MIX & MATCH è la collezione di Enrica Vadalà: un mix di colori, tessuti e fantasie, un impatto visivo forte e deciso per una donna che ama distinguersi dalla massa.

Anche ieri sera è tornato il beachwear: la collezione Blonde Cintre SS18 di Viviana Vlachopulos è elegante e ricercata, sui toni raffinati dell’oro, del blu, e degli immancabili bianco e nero.

Dario Caminiti, direttore dalla Camera Nazionale Giovani Fashion Designer, ricorda l’hair style team che nelle due serate di sfilate ha lavorato con dedizione e creatività: Gianni Scopelliti ha curato le acconciature delle modelle.

Il brand MM Mirella Melia fa parte ancora della categoria dei fashion designer: le sue t-shirt, fatte a mano da sarte appositamente formate, sono state indossate da numerose star del cinema e della musica italiana.

Per le New generation, invece, 2milami, un marchio che nasce dalla passione per lo stile, la moda e l’estetica di tre amiche universitarie che nel 2000 si sono ritrovate a Milano; a presentarlo al Teatro “Cilea”, Patrizia Sorrentino.

New entry della Camera, Ilaria Speranza, che propone per la prima volta in passerella i suoi gioielli e gli accessori per capelli creati con la complessa lavorazione artigianale di metalli, tessuti e cristalli.

Maria Ambroggio e Tiziana Pansino, ancora, sono due giovani stiliste emergenti, inseparabili amiche, che nella loro collezione di abiti hanno fuso insieme costruzioni tridimensionali, intagli fatti rigorosamente a mano e tessuti diversi.

Protagoniste anche della seconda serata di defilè, le Accademie. I giovani aspiranti stilisti hanno potuto mostrare il loro estro: sono i ragazzi dell’Accademia New Style di Cosenza-Scuola di moda e design, e dell’Istituto di Moda Burgo-sede di Reggio Calabria.

Si sono così concluse le sfilate dell’International Fashion Week 2018; appuntamento al prossimo anno.

 

 

 

Leggi qui!

Le mani della ‘ndrangheta sui contributi agricoli regionali (VIDEO)

Nella mattinata odierna, militari del Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare e del Comando Provinciale …