Home / In evidenza / Fp Cgil e Città Metropolitana a confronto per il Piano del Fabbisogno

Fp Cgil e Città Metropolitana a confronto per il Piano del Fabbisogno

La Fp Cgil esprime soddisfazione per l’esito dell’incontro richiesto dalla scrivente O.S. con l’Amministrazione Falcomatà, in merito al Piano del Fabbisogno e all’avvio della Contrattazione Decentrata Integrativa 2017. Fissato per oggi, infatti, il tavolo con i componenti delle delegazione trattante quali le OO.SS. territoriali, il coordinatore della RSU e la RSU tutta alla presenza del neo nominato Dir. Gen. Nucara, la Segr. Generale Ragusa, il Vice Sindaco Mauro e i Dirigenti di settore Morisani e Catalano.
La delegazione Fp Cgil, composta da Barbucci, Neri e dalla RSU, ha trovato proficuo ed esaustivo il confronto con il Dir. Gen., che ha mostrato non soltanto apertura, ma anche condivisione delle proposte avanzate dall’Organizzazione Sindacale.
Per quanto riguarda il Piano del Fabbisogno, l’Amministrazione ha palesato l’intenzione di apportare le dovute modifiche allo stesso, prevedendo la stabilizzazione del personale precario ex LSU oggi contrattualizzato e al momento impiegato presso l’Ente.
Altro tema affrontato e condiviso, che ha trovato d’accordo le parti, è stato quello riguardante la riqualificazione del personale, attraverso progressioni verticali secondo i criteri e le modalità previsti dall’attuale riforma del Pubblico Impiego.
Non meno importante la questione riguardante le deleghe che l’Amministrazione Metropolitana dovrà richiedere con insistenza alla Regione per il buon funzionamento dei servizi ed offrire alla cittadinanza le giuste risposte, che solo un contatto diretto con il territorio può garantire, superando così tutte quelle anomalie e difficoltà scaturite dalla L. Del Rio.
Ampio spazio nella discussione è stata data alla problematica, ritenuta più grave, dei Centri per l’Impiego, al momento in avvalimento presso l’Ente, il cui personale ad oggi si trova in una sorta di limbo. Si è concordato, senza ombra di dubbio, che il personale tutto sia a tempo indeterminato che a tempo determinato debba essere incluso, così come gli ex LSU nel contratto decentrato. Si aspetta, inoltre, che il Parlamento approvi la Legge di Bilancio per definire una volta per tutte, la titolarità dei Servizi per l’Impiego in capo alle Regioni e poter trovare soluzione alla vertenza che la Fp Cgil sta portando avanti con tenacia per la stabilizzazione dei 62 lavoratori a tempo determinato. Nell’immediato è fondamentale prorogare il rapporto di lavoro a tempo determinato con un contratto a tempo pieno superando le resistenze della Regione Calabria per garantire ai lavoratori interessati una vita dignitosa e allo stesso tempo rendere un servizio efficiente a tutti quei disoccupati e soggetti svantaggiati che giornalmente si rivolgono ai Centri per l’Impiego.
Per dare seguito agli impegni assunti in un clima di massima collaborazione le parti a fine incontro si sono date appuntamento in tempi brevi per definire con tempestività la quantificazione del fondo e la conseguente stipula del Contratto Integrativo Decentrato 2017.

Leggi qui!

I nuovi sindaci di Tropea e Rizziconi. Nicotera resta commissariata

Dei tre comuni calabresi, Nicotera, Tropea e Rizziconi, sciolti per infiltrazioni mafiose e chiamati a …