Reggio: messaggio augurale di inizio anno scolastico per l’anno 2011-2012 dell’Assessore Nociti

sabato 10 settembre 2011
15:08
In questo avvio di anno scolastico 2011/12, in qualità di Assessore all’Istruzione e  all’Università del Comune di Reggio Calabria, sento il dovere, ma nello stesso tempo il piacere di rivolgere i più

sinceri auguri agli studenti, sicuramente  pronti, conclusa la pausa estiva, ad accostarsi allo studio con rinnovato impegno;  ai genitori, ai docenti, ai dirigenti scolastici e a tutti gli altri operatori della scuola che, giornalmente si prodigano per gettare quelle basi educative che aiutino i nostri giovani a crescere, sempre più, in cultura, sapienza e legalità.
Cari studenti, la vita scolastica rappresenta un momento tutto particolare della vostra esistenza, irripetibile; una fase così importante e delicata nella quale si acquisiscono le competenze presupposto di una cittadinanza attiva. La scuola non deve essere considerata un obbligo o un luogo dove trascorrere parte della vostra giornata, ma piuttosto una comunità educante nella quale apprendere valori, saperi e doveri che porteranno ciascuno di voi ad essere, a divenire, Cittadino Europeo. Nel non facile divenire globale, solo una forte determinazione e un solido bagaglio conoscitivo  vi aiuteranno ad imporvi da protagonisti attivi nella società.
Sollecito Voi, Genitori, a partecipare, con la scuola alla crescita educativa e formativa dei vostri figli motivandoli a fare sempre meglio, incoraggiandoli a superare le difficoltà, attraverso la strada del dialogo e del confronto, evitando, se possibile, forme di eccessiva protettività che non fanno crescere, ma anzi, rischiano di innescare meccanismi di dipendenza e di pericolose discriminazioni.
Egregi Docenti, grazie all’azione formativa ed educativa che giornalmente, con capacità e abnegazione impartite, contribuite in maniera sostanziale, insieme all’ agenzia educativa primaria che è la famiglia, a far acquisire ai giovani forme di convivenza civile fondate sui valori presenti nella nostra Costituzione; il vostro è un compito difficile e delicato. Sono certo che continuerete a motivare i nostri giovani con innovative strategie didattiche, atte a promuovere, negli stessi, l’amore per la conoscenza, la sete per il sapere; son fiducioso che trasmetterete loro l’orgoglio  di appartenenza ad una terra, ad una città prestigiosa, Reggio Calabria, per la quale, da futura classe dirigente, dovranno promuoverne la crescita ed il progresso.
A Voi Dirigenti Scolastici, con i quali vorrò collaborare costantemente e proficuamente al fine di gettare le premesse per una scuola di qualità,  presupposto di democrazia e sviluppo, chiedo di collaborare con questa Amministrazione, con l’Assessorato da me rappresentato; in sinergia stiamo  affrontando la delicata operazione di riorganizzazione della rete scolastica; abbiamo già gettato le basi di un’azione sinergica volta a promuovere la crescita formativa delle giovani generazioni, a Voi, a Noi, affidate. Vi esorto a continuare ad utilizzare l’autonomia scolastica, soprattutto in questo momento di riforma, per costruire percorsi didattici moderni che siano al passo coi tempi, che siano in sintonia con i sistemi europei avanzati; sono sicuro che aprirete la scuola al territorio e alle istituzioni, utilizzando ogni risorsa pedagogica ed educativa per favorire  la costruzione di un clima di serenità e di accoglienza per  tutti, soprattutto  per i ragazzi in situazioni di disagio psico-sociale.
Nella nostra società  la scuola rappresenta un presidio di cultura e di legalità, che mi impegnerò a mettere, sempre più maggiormente, in rilievo; cercherò di fornire tutti gli strumenti idonei per garantire quel raccordo interistituzionale senza il quale, nella odierna società complessa e della conoscenza, non diviene possibile la concretizzazione di un  sistema formativo integrato, che veda impegnate scuola, università, agenzie di formazione professionale, volontariato e privato sociale, imprese ed istituzioni nel garantire, ai giovani, percorsi formativi coerenti per contenuti e modalità di fruizione, con i bisogni di sviluppo propri e del sistema economico odierno. Durante il mio mandato, sarà data pari dignità a tutti i soggetti, pubblici e privati, che vi concorrono. Solo questa sinergia ci permetterà, in un momento storico delicato, di profonde e repentine trasformazioni, di continua e ormai quasi cronica “emergenza educativa”, di formare al meglio i giovani, cittadini del mondo del futuro.
Cercheremo di non dimenticarci, di fronte a una scuola che – come la società – cambia anche con l’arrivo di bambini e ragazzi provenienti da altri Paesi, di preoccuparci di mettere a punto strumenti che ne favoriscano l’integrazione, compresa quella degli alunni diversamente abili; cercheremo di non dimenticarci di migliorare, nonostante le risorse  economiche sempre inferiori ai reali bisogni, le strutture scolastiche; cercheremo di non dimenticarci di dover ascoltare chiunque bussi alla nostra porta, anzi, come già ho iniziato a fare, sarò io stesso a propormi a voi per offrire la mia disponibilità e tutto il mio impegno affinchè, insieme, si trovino le giuste e più opportune soluzioni ai problemi.
Permettetemi di concludere con chi ho iniziato, con voi, cari Ragazzi, perchè una scuola di qualità parte dal vostro impegno! Noi adulti possiamo fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità, ma, voi alla fine, dovrete studiare in modo serio; siate protagonisti delle materie del sapere e solo così la vostra scuola diverrà eccellente e più affascinante.
Rinnovo un affettuoso augurio di buon lavoro a tutta la componente scolastica: studenti, genitori, insegnanti, personale amministrativo, tecnico e ausiliario, direttori dei servizi generali amministrativi, dirigenti scolastici a cui assicuro il mio quotidiano impegno per migliorare sempre più l’eccellenza della scuola Reggina.

Print Friendly
  • Impressioni Di Gianfranco Donadio

    FRANCESCO DI PAOLA - Un film di Giovanni Sole Francisco de Paula vive in eremitaggio in una grotta poco lontana dal paese. Da lui vanno i paesani per chiedere consigli, per conoscere il futuro, per vincere la natura, per essere guariti, per riconoscere il vero dal falso. Francesco incute timore, ma allo stesso tempo ispira serenità, spaventa gli uomini ma allo stesso tempo li rassicura...