• Home / CITTA / Reggio Calabria / Locri (Rc): e la coscienza bussò…32 anni dopo

    Locri (Rc): e la coscienza bussò…32 anni dopo

    carabinieri27giu
    Dopo oltre trentadue anni, si è costituito presso la Stazione dei Carabinieri di Siderno, Romanello Antonio, responsabile dell’uccisione della moglie, Valerio Angela, il 25 ottobre del 1978. Di seguito la nota diffusa dal Comando Provinciale dei Carabinieri.

    ERA IL 25 OTTOBRE 1978, OLTRE TRENTADUE ANNI FA, QUANDO SIDERNO FU SCONVOLTA DALLA NOTIZIA DELL’UCCISIONE DI VALERIO ANGELA, UNA GIOVANE MADRE APPENA VENTIQUATTRENNE. NELL’IMMEDIATO INDAGARONO I CARABINIERI CHE SUBITO COMPRESERO LE GRAVI RESPONSABILITA’ DEL MARITO ROMANELLO ANTONIO, CHE FU DENUNCIATO PER OMICIDIO IN STATO DI IRREPERIBILITA’. L’UOMO FUGGI’ DOPO AVER AMMAZZATO LA MOGLIE FACENDO PERDERE LE SUE TRACCE. ERANO OLTRE TRENT’ANNI CHE ROMANELLO, CONDANNATO PER OMICIDIO A 23 ANNI DEFINITIVI NEL 1988, ERA RICERCATO, ANCHE A LIVELLO INTERNAZIONALE DAL 1990. DI LUI SI ERANO PERSE LE TRACCE,MA, NEGLI ULTIMI MESI, SEGUENDO LE PROCEDURE DEL “MODELLO REGGIO CALABRIA” VOLUTO DAL COL. PASQUALE ANGELOSANTO, COMANDANTE PROVINCIALE DEI CARABINIERI, SI SONO INCREMENTATE LE RICERCHE DA PARTE DELLA STAZIONE DI SIDERNO E DELLA COMPAGNIA DI LOCRI. CONTINUE E SEMPRE PIU’ PRESSANTI SONO STATE LE MIRATE PERQUISIZIONI DOMICILIARI AI FAMILIARI RESIDENTI IN SIDERNO. A TALE INCESSANTE PRESSIONE, NELLA SERATA DI IERI ROMANELLO HA DECISO DI COSTITUIRSI ALLA STAZIONE DI SIDERNO. E’ UN UOMO COMPLETAMENTE CAMBIATO (COME VISIBILE NELLE FOTO) QUELLO CHE ENTRATO IERI NEL CARCERE DI LOCRI.

    romanelloantonioromanelloantonio2