• Home / CITTA / Messina / Messina – riunione sulle condizioni di sicurezza delle reti autostradali

    Messina – riunione sulle condizioni di sicurezza delle reti autostradali

    Si è svolto stamane a Palazzo dei Leoni l’incontro che ha visto protagonisti l’Assessore Regionale infrastrutture e mobilità on. Marco falcone, il sindaco metropolitano di Messina,
    dott. Cateno De Luca, il deputato regionale on. Danilo Lo Giudice, il direttore generale del
    Consorzio per le Autostrade Siciliane ing. Salvatore Minaldi.

    Al centro della riunione lo stato di salute delle infrastrutture autostradali A18 e A20 che,
    dalle relazioni esposte con estrema attenzione dall’assessore Falcone, su molti tratti presenta
    varie criticità quali il manto stradale, le gallerie, i viadotti, i cavalcavia e le barriere protettive.
    Nel 2018 l’obiettivo primario è stato quello della riorganizzazione del Cas che, da ente
    finanziariamente disastrato è stato riportato ad una situazione di relativo equilibrio di
    bilancio, un’operazione che permetterà di poter realizzare quella manutenzione ordinaria che
    è mancata negli ultimi anni.
    I due punti che sono stati particolarmente dibattuti hanno riguardato la frana che interessa il
    tratto autostradale all’altezza dell’abitato di Letojanni e la chiusura dello svincolo di
    taormina.
    Anche su questi due delicati argomenti positive le indicazioni emerse dalle relazioni dell’on.
    Falcone e dell’ing. Minaldi.
    Il programma degli interventi prevede che nel 2019 si darà inizio ai lavori sull’imponente
    frana mentre per ciò che concerne lo svincolo di Taormina si sta procedendo con estrema
    celerità per poter riaprire lo svincolo taorminese entro il 21 dicembre, in occasione con il
    clou delle festività natalizie e di fine anno.
    Oltre ai progetti in cantiere, molti dei quali rientrano nel Masterplan, già vari interventi sono
    stati realizzati: dalla scrbatureìa esistemazione del verde alla riapertura di importanti gallerie
    come quella di Sant’Alessio e Capo d’Orlando fino alla parziale sistemazione della
    segnaletica orizzontale.
    Nell’immediato futuro l’impegno sarà concentrato sul controllo e verifica della staticità dei
    viadotti, delle gallerie e dei cavalcavia che, realizzati in calcestruzzo, mostrano i segni del
    tempo e richiedono continui monitoraggi, supportati oggi da tecnologie avanzate che ne permettono uno screening permanente.