Home / CALABRIA / Stanziati 250mila euro per il parco archeologico di Broglio

Stanziati 250mila euro per il parco archeologico di Broglio

Il Parco Archeologico di Broglio sarà oggetto di un finanziamento regionale grazie al quale verranno realizzate  una serie di opere e lavori finalizzati al restauro, alla valorizzazione, e all’incremento della fruibilità, le quali andranno a completare una struttura dalle infinite potenzialità e dall’importante valenza sotto il profilo archeologico e turistico.

 

Ancora una volta – ha dichiarato il sindaco Franco Mundosiamo riusciti  a trasmettere agli Enti preposti, comela Regione, le esigenze del nostro territorio, che nel turismo ha la sua fonte principale di sviluppo. La struttura del Parco Archeologico di Broglio è per tutto l’Alto Ionio fonte di orgoglio. Crediamo fortemente che il turismo archeologico e quello scolastico sianoalcune delle chiavi che possono aprire ai flussi di turistici nazionali e internazionali. La storia degli Enotri, antichi abitanti della nostra terrà, è ricca di fascino e mistero. Indagarla in una struttura moderna, meta di tante realtà scolastiche che imparano la storia negli stessi luoghi in cui essa è stata scritta, rappresenta senza ombra di dubbio un elemento di eccellenza del nostro territorio. Continuiamo ad operare dunque per la crescita della nostra realtà, certi che il potenziamento delle strutture in grado di richiamare afflusso turistico diventi elemento per la crescita occupazionale del nostro territorio, andando a sostegno di tutte quelle realtà commerciali che con avvedutezza e visione per il futuro scelgono di investire a Trebisacce.Con il Prof. Alessandro Vanzetti, responsabile del Parco Archeologico, rimoduleremo il progetto per rendere Broglio più fruibile e più accessibile, potenziandolo come attrattore. Nei prossimi giorni sarà fissato un incontro con i tecnici per la celere  definizione del progetto”.

 

Leggi qui!

Cosenza – Sequestrate 100mila uova decorative pericolose per gli utenti

Oltre 100 mila uova pasquali decorative carenti dei contenuti informativi e pericolose per i consumatori …