• Home / CITTA / Cosenza / Teatro Auditorium Unical – Il 14 marzo Dimartino in concerto

    Teatro Auditorium Unical – Il 14 marzo Dimartino in concerto

    Un appuntamento imperdibile in scena al Teatro Auditorium Unical il prossimo 14 marzo.

    Una giornata interamente dedicata alla musica cantautorale italiana di nuovissima generazione, in collaborazione con L’Ora di italiano e il Festival del fumetto Le Strade del paesaggio.

    Si parte alle 18 con il talk dal titolo “Il mondo del songwriting. Come si diventa autori e produttori di canzoni?, un focus per parlare dell’importanza della canzone d’autore in Italia e di quali siano oggi gli scenari per i giovani creativi/e che vogliano diventare autori e produttori musicali.

    Protagonisti dell’incontro Antonio Filippelli, Music Producer presso Sony/ATV , al lavoro con artisti del calibro di Eros Ramazzotti, Levante, Fabrizio Moro; Antonio Di Martino cantautore e autore Sony Atv di artisti quali Arisa, Malika Ayane e la cantautrice e autrice siciliana Simona Norato, fresca di uscita discografica con “Orde di brave figlie”, nuovo disco prodotto da Cesare Basile: il tutto accompagnato dall’intervento artistico di Andrea Scoppetta fumettista e animatore di grande pregio che disegnerà dal vivo, realizzando un’opera ispirata alla musica di Dimartino.

    Spazio poi all’unica data calabrese dell’Afrodite tour di Dimartino.

    Un ritorno atteso quello del cantautore siciliano che riappare sulle scene con un nuovo disco, prodotto da Matteo Cantaluppi, che stupisce fin dal primo ascolto con sonorità e mondi musicali nuovi. Anticipato da “Cuoreintero”, “Feste comandate” e dal singolo “Giorni buoni”, già in rotazione su alcuni dei network radiofonici più importanti e tra i brani più ascoltati della playlist di Spotify Indie Italia (link: https://spoti.fi/2RXPyw0), l’album è un irresistibile viaggio sonoro composto da 10 canzoni che rappresentano un mosaico di vita quotidiana per 10 straordinari cortocircuiti emotivi.

    “Afrodite” è un disco che segna un scatto in avanti in Dimartino, la conquista di una nuova dimensione personale e autorale. La prima è legata alla paternità, a quella figlia che gli ha fatto capire che “tutto questo amore / sono sincero, no / io non l’avevo previsto”, come canta in “Feste Comandate” una delle canzoni più delicate e insieme intense del disco. La crescita autorale è invece legata a un lavoro di produzione e cura delle canzoni che non ha precedenti nella carriera del cantautore palermitano, grazie alla collaborazione con Matteo Cantaluppi, già al lavoro negli ultimi anni con Thegiornalisti ed Ex-Otago. L’unione di queste due componenti ha portato a una nuova maturità, in cui gli affetti sono il porto sicuro dove rifugiarsi, consapevoli che “passerà questo nostro Vietnam”. Orizzonte privato e pubblico si fondono, come nella migliore tradizione dei cantautori italiani, ma con un’attitudine contemporanea e lo sguardo fisso sul presente. Pezzo dopo pezzo, “Afrodite” scava nella parte più scura del nostro tempo, con la capacità di trovare sempre una scintilla di luce: “perché sono giorni buoni / fatti di ore crudeli” (“Giorni buoni”).