Home / CITTA / Cosenza / Cosenza – Smascherato falso Ente no profit che ha evaso oltre 200mila euro

Cosenza – Smascherato falso Ente no profit che ha evaso oltre 200mila euro

La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Cosenza ha scoperto una struttura turistica che operava come finta associazione sportiva dilettantistica, ma di fatto svolgeva una vera e propria attività commerciale con un ingentevolume d’affari e l’impiego di manodopera in nero.

L’associazione, solo artatamente creata come Ente non commerciale per godere delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa di settore, gestiva uno stabilimento balneare d’élite ed offriva servizi di natura commerciale a soggettinon associati provenienti da varie regioni italiane e finanche dall’Australia.

La struttura era dotata anche di un rinomato ristorante, che proponeva pietanze a base di astice e ostriche e disponeva di una ricercata carta dei vini.

Le finalità non lucrative e la partecipazione degli associati, in molti casianch’essi veri e propri clienti ignari del loro ruolo fittizio all’interno dell’associazione, erano solo riportate formalmente nello statuto dell’Ente per beneficiare, indebitamente, di un regime tributario di favore e svolgere attività commerciali produttive di significativi redditi ma sconosciute al Fisco.

Pertanto, attraverso una verifica fiscale svolta per più periodi d’imposta dalleFiamme Gialle cosentine, anche mediante l’incisivo strumento delle indaginifinanziarie, è stato possibile disvelare l’omessa dichiarazione econtabilizzazione di ricavi per oltre 200.000 euro.

Inoltre è stata disconosciuta la natura associativa e non lucrativadell’associazione determinando l’inquadramento della stessa come impresacommerciale.

L’azione delle Fiamme Gialle cosentine nel settore degli Enti no profit assicura una concreta e diffusa tutela alle imprese ed ai cittadini onesti che operano nel rispetto delle regole, salvaguardando le reali forme associazionistiche e continuerà ad essere orientata, anche per il futuro, a contrastarel’atteggiamento di tutti coloro che, aggirando la normativa, ne sfruttano i benefici tralasciandone scientemente gli oneri.

Leggi qui!

Beni religiosi calabresi, da Regione al via interventi per 28 milioni

“L’obiettivo degli interventi previsti punta non solo a salvaguardare il patrimonio culturale della Calabria ma …