Home / CITTA / Cosenza / Rende, Beni Comuni, Miceli (M5S): “Tre anni fa la nostra proposta a Manna”
Domenico Miceli

Rende, Beni Comuni, Miceli (M5S): “Tre anni fa la nostra proposta a Manna”

“Da tre anni aspettiamo un confronto col sindaco e la sua Giunta sulla nostra proposta di un “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani”. Esattamente dal 2015, anno in cui come gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle abbiamo inoltrato alla sua attenzione una mozione, rimasta ovviamente nel cassetto e orfana di discussione in Consiglio, per la quale l’ex assessore Ida Bozzo – successivamente defenestrata da Manna – dimostrò apprezzamento e volontà ad un confronto”. Lo scrive in una nota Domenico Miceli, Capogruppo Movimento 5 Stelle al Comune di Rende.

“Dopo tre anni, invece, apprendiamo dagli organi di stampa – aggiunge – che il sindaco ha illustrato una “innovativa” proposta di regolamentazione dei beni comuni in ossequio a delle best practice già in voga in altri centri. Una proposta, si scoprirà, che è stata suggerita da un attivo gruppo di cittadini che, giustamente, hanno dovuto rettificare le dichiarazioni altisonanti di primogenitura del primo cittadino che ha rimediato l’ennesima smentita.

Purtroppo Manna è ancora fermo al capolinea della sua avventura politica. Non ha un programma per la città, nonostante abbia imbarcato in maggioranza due ex candidati a sindaco, Verre e Cuzzocrea, e dunque, altri programmi e prospettive politiche, e non ha programmazione. In altre parole, governa alla giornata.

Non possiamo che esortare il sindaco, che ha minimizzato il risultato elettorale dell’M5S alle politiche 2018 sul territorio di Rende (un rendese su due ha votato M5S), catalogandolo come mera protesta, e la sua variopinta maggioranza, a prendere atto della lungimiranza e del nostro radicamento in città. Un radicamento che parte dal basso, dall’ascolto delle reali esigenze dei cittadini/contribuenti.

Com’è nostra abitudine non ci sottrarremo al confronto su questa bozza di “Regolamento comunale per la partecipazione nel governo dei beni comuni”. Sperando solo che non faccia la stessa fine del regolamento sugli Orti Urbani, altra nostra proposta approvata dal Consiglio e successivamente affossata da un sindaco che non risponde ai bisogni dei cittadini, timoroso delle proposte di altri gruppi politici perché impegnato a rispondere ai suoi lobbisti politici”.

Leggi qui!

Festival del Ghiaccio e del Fuoco: la Seconda Edizione al Castello Svevo di Cosenza

Dopo il grande successo della prima edizione, dal 19 al 20 ottobre torna uno dei …