Home / CITTA / Catanzaro / Lotta al diabete: sperimentata la “GlicoPizza” al Mulinum di San Floro (Cz)

Lotta al diabete: sperimentata la “GlicoPizza” al Mulinum di San Floro (Cz)

L’International Diabetes Federation, nel 2017, ha stimato 425 milioni di diabetici nel mondo, che saliranno a 629 milioni entro il 2045. In Italia, l’Osservatorio Arno ne conta quattro milioni, oltre un altro milione che ignora di esserlo: numeri raddoppiati rispetto a 20 anni fa.

 

Un dato allarmante che sottolinea quanto la pericolosità del diabete tra la gente sia ancora sottovalutata: si tende erroneamente a considerarla una patologia benigna, non rendendosi conto che è una malattia con un alto tasso di mortalità, che colpisce, tra l’altro, 6/7 bambini su 100.000 in un’età compresa tra 0 e 14 anni.

Ma, nella Giornata Mondiale del Diabete, arriva una buona notizia dal Sud Italia, precisamente dalla Calabria: un team medico coordinato dal dott. Felice Citriniti, responsabile della diabetologia pediatrica presso l’Ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, quattro mesi fa, ha dato vita al progetto “GlicoPizza” per dimostrare come nel bambino diabetico sia possibile il consumo di pizza, preferibilmente preparata con farina derivata dalla macinatura a pietra di grano Verna, utilizzando una lievitazione con pasta madre.
Così, venti bambini malati di diabete mellito di tipo 1, insulinodipendenti, si sono ritrovati al Mulinum di San Floro (CZ), un casolare biosostenibile in cui il giovane imprenditore Stefano Caccavari, grazie a un crowdfunding innovativo, ha recuperato un antico mulino con macine in pietra naturale.
Qui, dove gli antichi grani vengono trasformati in farina integrale e la farina in prodotti da forno, ai piccoli pazienti è stata somministrata pizza preparata con farina integrale Mulinum: sin da subito, in tutti i partecipanti si è registrata una riduzione dei valori medi della glicemia rispetto a quanto osservato dopo l’assunzione di pizza preparata con farina 00.
L’andamento glicemico è stato monitorato prima, durante, dopo il pasto e anche durante la notte fino al risveglio: i piccoli pazienti hanno avuto cali glicemici a tal punto da dover procedere alla correzione dell’ipoglicemia con la somministrazione di carboidrati semplici a rapido assorbimento, anche in tal caso biscotti o grissini prodotti con farine integrali Mulinum.
Così, i bambini diabetici ormai abituati a svegliarsi con valori di glicemia che si attestano intorno ai 250 mg/dL, dopo aver degustato la pizza della startup calabrese, si sono ritrovati con un range medio-basso di glicemia intorno ai 75 mg/dL.
Addirittura, si è potuto stimare che in tali casi per ottenere un buon controllo della glicemia è stato necessario un abbattimento del 50% del dosaggio insulinico.Dinanzi all’iniziale scetticismo dei genitori dei piccoli pazienti dell’ospedale catanzarese, l’esperimento ha attestato che la farina integrale Mulinum non fa alzare la glicemia in quanto, essendo più resistente, l’amido non perde l’amilosio e l’amilopectina e non viene attaccata dagli enzimi digestivi.

Tali risultati dell’esperimento GlicoPizza sono contenuti nella tesi sperimentale “Spunti epicritici in tema di alimentazione nel bambino con diabete” del dott. Francesco Grande che fa parte del team di ricerca e, nella Giornata Mondiale del Diabete, ha conseguito la laurea in Dietistica presso l’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro.
Ma la ricerca non si arresta: i dati registrati hanno soddisfatto il dott. Citriniti sia per i risultati evidenti sia sotto il profilo della psicologia sociale in quanto i piccoli pazienti hanno potuto mangiare una pizza gustosa senza correre alcun rischio ma soprattutto senza sentirsi diversi.
Il team medico ha così deciso di proseguire l’esperimento con i venti bambini che continueranno ad essere monitorati, stavolta, prima, durante e dopo l’assunzione di grissini e biscotti prodotti sempre con farine integrali Mulinum, ma anche con un gruppo di pazienti adulti con diabete di tipo 2.
“Recuperando i grani antichi non soltanto difendiamo il territorio ma assicuriamo anche la salute dei cittadini” commenta Stefano Caccavari, fondatore di Mulinum, orgoglioso dei risultati finora ottenuti e ben lieto di proseguire la collaborazione con il dott. Grande, un altro giovane come lui che, in tal caso nell’ambito scientifico, si impegna per creare valore e sviluppo nella propria terra.
La prima fase di GlicoPizza può essere ritenuta uno step iniziale della Mulinum che, dopo esser stata consacrata anche dal noto epidemiologo Franco Berrino, giunto tra i campi di grani antichi in occasione della trebbiatura Mulinum a luglio 2018, mira sempre più ad attestarsi come centro di sperimentazione.
Un traguardo importante, dunque, che Caccavari intende festeggiare annunciando la costituzione del comitato scientifico Mulinum ma soprattutto l’impegno della società agricola calabrese a dare il proprio contributo, anche economico, per incentivare la ricerca nell’ambito della prevenzione e della cura del diabete in bambini e adulti. Pertanto, ricorrendo sempre al binomio vincente innovazione-tradizione, l’imprenditore calabrese lancia un appello a medici, ricercatori, nutrizionisti di tutt’Italia affinché diventino parte integrante della “comunità di destino” Mulinum per combattere insieme la sfida quotidiana alla malattia promuovendo la sana e corretta alimentazione, “come cent’anni fa”.

Leggi qui!

Catanzaro – Successo per la prima giornata di ‘Weekend al Museo’

Cultura e giovani: un binomio perfetto in grado di entusiasmare! Sono i due elementi che …