Home / CALABRIA / Cinquantennale di Lamezia, il programma delle celebrazioni del 4 gennaio 2018

Cinquantennale di Lamezia, il programma delle celebrazioni del 4 gennaio 2018

E’ stato definito nel dettaglio l’ampio e articolato programma del prossimo 4 gennaio 2018, giorno in cui la città di Lamezia Terme celebrerà i suoi primi cinquant’anni di vita. Già durante la mattinata la città sarà animata dalla banda musicale “Tommaso Colloca” che suonerà nei tre centi di Sant’Eufemia, Sambiase e Nicastro.
Il primo momento celebrativo si terrà nel pomeriggio al Teatro Grandinetti, con inizio alle 15.30. Ad aprire la manifestazione l’Accademia Bruzia e l’inno a Lamezia. Seguirà l’intervento dell’Avvocato Basilio Perugini, Presidente del Comitato “Lamezia 4 gennaio 2018”; a parlare a nome del sodalizio sarà anche il vicepresidente, Dottor Sebastiano Sofi, il quale presenterà il concorso “Il lametino dell’anno” riconoscimento che sarà assegnato annualmente a partire dal 4 gennaio 2019. Sofi illustrerà anche ulteriori progetti pensati in occasione del cinquantennale e che guardano alla Lamezia del futuro e al suo rilancio.

Durante la manifestazione sarà premiato l’autore del logo simbolo del cinquantennale della città. Saranno anche assegnati i vari riconoscimenti ai vincitori del concorso “Cinquantenario di Lamezia Terme”. La premiazione riguarderà le scuole cittadine che hanno partecipato al concorso. A tal proposito sono previsti gli interventi di saluto dei dirigenti, dei docenti e degli studenti impegnati nell’iniziativa.
Per le 18 è prevista la funzione religiosa in cattedrale, in cui saranno ricordati i coniugi Salvatore Aversa e Lucia Precenzano, uccisi il 4 gennaio del 1992. Il rito sarà presieduto dal vescovo diocesano, S.E. Mons. Luigi Antonio Cantafora.
La seconda parte del momento celebrativo inizierà alle 20.45 sempre al Teatro Grandinetti. Introdurrà la serata il Presidente del Comitato, Avv. Basilio Perugini.
Saliranno sul palco del Grandinetti anche due giovani lametini, Claudio Petronetti ed Angela Sara De Sensi, che esprimeranno le loro riflessioni sul cinquantennale della Città.
Seguirà la prima parte del concerto dell’ Orchestra Giovanile della Calabria diretta dal M° Ferruccio Messinese che eseguirà brani di diverso genere: da Strauss a Morricone, da Piazzolla ad Haendel, da Gounot a Mozart ed altri ancora. (L’Orchestra Sinfonica Giovanile della Calabria, composta da circa 60 giovani provenienti da tutta la regione, è nata dall’associazione “Musica Insieme” di Gioia Tauro con l’obiettivo precipuo di promuovere la cultura musicale tra i giovani. Nel corso della sua attività, l’ensemble ha partecipato a più di 150 esibizioni tenutesi in tutta Italia.
Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali ed internazionali di musica conseguendo numerosissimi primi premi tra cui il premio assoluto al concorso internazionale “Giovani Musicisti” di Paola (2013 – 2015). Ha conquistato anche il 1° premio assoluto al 15° concorso internazionale “Paolo Barasso” a Caramanico Terme (PE). Nel 2014 all’orchestra ed al suo presidente, la professoressa Caterina Genovese, è stato assegnato il “Premio Sant’Ippolito 2014”, mentre; recentemente all’ensemble è stato attribuito anche il “Premio Speciale” dall’associazione nazionale letterati ed artisti. L’Orchestra Sinfonica Giovanile della Calabria” vanta un repertorio vasto ed eterogeneo composto da brani della tradizione classico-sinfonica, arrangiamenti di musica per film e brani di musica napoletana e leggera americana).
Dopo l’intervallo saranno assegnate delle benemerenze a personalità lametine che hanno dato lustro alla Città nei vari ambiti della società civile.
Conclusa la premiazione, l’Orchestra Giovanile della Calabria darà vita ad un altro intenso momento musicale.
Concluderà la serata l’Avvocato Basilio Perugini.
In occasione di questa prima iniziativa celebrativa, dalle 16 alle 20, le Poste Italiane attiveranno, nei pressi del Teatro Grandinetti, una postazione per l’ annullo speciale filatelico realizzato appositamente per il “50° anniversario della nascita della Città di Lamezia Terme”.

Leggi qui!

Festival d’autunno, “vita da sprar” ha concluso gli eventi culturali

Mohammed Hasan ha lasciato l’Iraq nel 2015. Nel suo paese lavorava a stretto contatto con …