Home / CITTA / Reggio – Si insedia la Sacal al “Minniti”. De Felice: “Gestione trasparente”

Reggio – Si insedia la Sacal al “Minniti”. De Felice: “Gestione trasparente”

di Domenico Grillone – Nel giorno in cui, dopo il fallimento della Sogas, si insedia ufficialmente la società che da oggi gestisce l’aeroporto reggino ma anche quello di Crotone e Lamezia collocandosi come gestore unico degli aeroporti calabresi, la Sacal, il presidente Arturo De Felice, nel corso della conferenza stampa svoltasi nella sala Barbaro del “Tito Minniti” si mostra chiaro e deciso su alcuni punti fondamentali che stanno a cuore a tutti i reggini e gli abitanti della sua provincia.
“L’attività della Sacal a Reggio sarà intensa, costante e spero efficace con risposte che molto presto aderiranno alle aspettative della cittadinanza. Così come si farà con Crotone. La Sacal è una società che ha una esperienza ultratrentennale, gestisce due milioni e mezzo di passeggeri, e quindi non ci preoccupiamo assolutamente dei numeri dell’aeroporto di Reggio che dobbiamo assolutamente aumentare perché la cittadinanza deve poter fruire di quelli che sono stati dei viaggi che non erano certo solo per turismo ma per problemi di salute, di studio”.
Ma sono due i punti che il presidente De Felice sottolinea prima di andare avanti con il suo discorso. “Cercheremo di dare del nostro meglio ma abbiamo bisogno di non essere tirati per la giacca da nessuno perché abbiamo le idee ben chiare e soprattutto della pazienza di pochi giorni per poter concretizzare le nostre idee, il nostro progetto che è regionale, perché ormai c’è solo un gestore per tre aeroporti. Speriamo di essere all’altezza, sono ottimista”. Nel ringraziare la Regione Calabria per il sostegno ricevuto, De Felice ribadisce gli obiettivi del progetto, cioè quelli di “far volare i calabresi in sicurezza, autonomia e soprattutto senza essere secondi a nessuno. E’ un progetto ambizioso ma speriamo di portarlo avanti”. E sulla struttura organizzativa per far funzionare l’aeroporto in ogni suo segmento, è di oggi l’insediamento operativo della Sacal, il presidente ha informato la stampa che i vertici tecnici al completo della vecchia società, la Sogas, “hanno ritenuto di non aderire alle nostre proposte contrattuali, forse ritenendo che questo avrebbe potuto fermare il passaggio e l’insediamento della Sacal, oggi. Ma come tutti possono vedere l’aeroporto è in piena efficienza, ci sono tutti i postholder, i controlli di sicurezza, faremo lo stesso domani e dopodomani fin quando non individueremo altre figure, ci saranno i dirigenti dellla Sacal che terranno con grande spirito di sacrificio anche questa posizione su Reggio, in fondo un’ora di macchina non costa molto, ho disposto così ed ho trovato ampia rispondenza tra i miei collaboratori”. Speranze anche alla maggior parte degli ex dipendenti Sogas rimasti fuori dalle prime assunzioni. “E’ tutto un problema di marketing e di business: se aumenterà come spero il volume del traffico di Reggio è chiaro che noi scorreremo la graduatoria fatta a seguito di un bando pubblico e quindi assumeremo ancora più persone, perché i posti di lavoro sono molto importanti, so perfettamente cosa significa portare a casa uno stipendio onesto e trasparente. Cercheremo di fare il possibile”. E sugli incontri bilaterali tra Alitalia e Sacal, il Presidente conferma il confronto che si concluderà la prossima settimana. “Ho trovato ampia disponibilità, stiamo cercando di addivenire ad una soluzione ma l’aeroporto dello Stretto è molto attenzionato dall’Alitalia, al contrario di altri aeroporti dove ha licenziato il personale. Evidentemente l’Alitalia con questa nuova gestione ha un dialogo diverso dalla precedente”.
Infine, sulla recente infelice uscita del presidente dell’Enac, Riggio il quale relegava l’aeroporto dello Stretto ad uno scalo dalle scarse potenzialità, De Felice conferma il fatto che “si sia lasciato andare ad un attimo di smarrimento. Ma da persona esperta e navigata sa perfettamente che la nuova gestione potrebbe garantire molto di più che in passato. E lo faremo basandoci su alcuni principi: il primo è la trasparenza, poi l’efficienza ed il dialogo”. “Noi siamo disponibili – conclude De Felice – purtroppo alcuni non lo sono stati in questi giorni pensando di metterci nell’angolo. Mi riferisco a coloro che non hanno voluto collaborare a questo progetto di aeroporti regionali, coloro che non hanno voluto collaborare con la Sacal nel momento in cui avevamo bisogno di un minimo di continuità gestionale. Non ci sono riusciti. L’aeroporto funziona”.

Leggi qui!

Controlli straordinari di sicurezza a Polistena, Maropati, Melicucco, Cinquefrondi

Il dispositivo di controllo straordinario del territorio, previsto dal piano di azione nazionale e transnazionale …