Home / CITTA / Reggio – La comunità onora il Colonnello Cosimo Fazio
mausoleo colonnello Fazio

Reggio – La comunità onora il Colonnello Cosimo Fazio

di Grazia Candido – Si dice che il tempo lenisce il dolore ma è una scusa per poter andar avanti. Il dolore dell’anima causato dalla scomparsa di un caro è più grande della sofferenza del corpo e le lacrime di Antonino Carlo Fazio e la compostezza di Giovanna marchiata dalla pesante solitudine di non aver più accanto il compagno di vita, segnano una giornata importante che ricorda non solo l’operato di un uomo dello Stato ma la figura di un padre e marito esemplare che, pur non essendo figlio di questa terra, l’ha amata sin dal primo giorno in cui ci ha messo piede. Indimenticabile il sorriso e la bontà del Colonnello dei Carabinieri Cosimo Fazio, scomparso prematuramente il 15 agosto del 2013 mentre stava coordinando le operazioni di sbarco di un gruppo di immigrati al porto di Reggio, e indimenticabile per la comunità locale è la sensibilità di quell’uomo con la divisa che regalava serenità e speranze a chi è stato più volte bastonato da un’amara esistenza. Oggi, al cimitero di Modena, dopo 4 anni, il Colonnello Fazio come quel triste giorno in cui andò via, era circondato da amici, colleghi, cittadini, autorità religiose e amministratori (erano presenti il vice sindaco Armando Neri, il consigliere metropolitano Eduardo Lamberti Castronuovo, l’assessore comunale Nino Zimbalatti, il Comandante della Polizia Metropolitana Domenico Crupi) che, idealmente, lo hanno riabbracciato durante la benedizione del monumento funebre a lui dedicato.
“E’ stata una battaglia lunga, stancante, sfiancante ma non mi sento di dire di aver vinto perchè una situazione come questa, non porta nè vincitori nè vinti ma si perde tutti – esordisce commosso Antonio Fazio – Se ci vogliono tanti anni, quattro precisamente, per dare degna sepoltura ad una persona che sia mio padre o a chiunque, davvero la città ne esce sconfitta. Oggi però, vedendo questa gente ancora vicina a papà e alla mia famiglia, mi vengono in mente le sue parole quando diceva che riceveva molto di più dai calabresi rispetto a quello che dava. L’affetto della città dimostra che mio padre ha lasciato qualcosa di importante a Reggio. Non mi va proprio di fare alcuna polemica, l’importante è il risultato raggiunto oggi e un grazie va all’Arma dei Carabinieri. In ognuno di voi – conclude il figlio del Colonnello guardando i tanti militari presenti e con la voce serrata dal pianto – vedo mio padre; in ognuno di voi vive, batte il cuore di papà”.
E un pensiero affettuoso e di profonda stima anche se non lo ha mai conosciuto lo dedica il Comandante provinciale dei Carabinieri Giancarlo Scafuri che dagli aneddoti raccontati dai carabinieri ha avuto modo “di apprezzare una persona dal punto di vista umano con una marcia in più, un servitore dello Stato con una grande umanità e, oggi, la città ha dimostrato di non averlo dimenticato”.
Sulla stessa lunghezza d’onda è il consigliere Castronuovo rammaricato perché “Reggio ha perso un altro uomo che avrebbe potuto fare tanto per questa terra così come avrebbero potuto fare altri figli di questa città come il dottore Alberto Neri, il sindaco Italo Falcomatà. Il colonnello Fazio è scomparso mentre aiutava gli altri, chi davvero aveva bisogno, gli immigrati. Legalità non è solo il rispetto della legge, è anche quello ma è soprattutto rispetto degli uomini e Cosimo Fazio rimarrà nel cuore di tutti noi perché ha diffuso questo rispetto”.
C’è una frase di Kennedy posta sulla lapide del Colonnello che fa pensare alla grandezza di un uomo che ha servito il suo Stato senza se e senza ma ed è: “Non chiedere quello che il Paese possa fare per te ma quello che tu puoi fare per il Paese” e, sicuramente, Fazio per Reggio ha fatto tanto senza chiedere mai nulla.
mausoleo colonnello Fazio (1)
mausoleo colonnello Fazio (3)

Leggi qui!

Gioia Tauro – “Jail Express”, volevano imporre monopolio consegna merci (Foto)

Nelle prime ore del mattino di oggi, a Gioia Tauro, i militari del Comando Provinciale …