• Home / CITTA / Omicidio Lettieri – Convalidato fermo per Fuscaldo. In centinaia a funerale
    Funerale Antonella Lettieri

    Omicidio Lettieri – Convalidato fermo per Fuscaldo. In centinaia a funerale

     

    Resta in carcere Salvatore Fuscaldo, il 50enne accusato dell’omicidio di Antonella Lettieri, la 42enne uccisa la sera dell’8 marzo a Cirò Marina. Il gip di Crotone ha convalidato il fermo ed ha disposto la custodia in carcere al termine dell’interrogatorio di garanzia. Fuscaldo, assistito dall’avv. Francesco Amodeo, ha respinto le accuse, ha negato di avere avuto una relazione con la donna o che questa gli avesse dato dei soldi. Quando al sangue trovato nella sua auto, ha detto che Antonella l’aveva usata in passato.

    Intanto poche ore prima che Fuscaldo fosse fermato la stessa moglie dell’uomo aveva dichiarato: “Voglio che questa indagine si svolga il più presto possibile e chi è stato è giusto che paghi”. La dichiarazione è stata trasmessa nella puntata di ieri sera della trasmissione di Rete 4 “Quarto Grado”. La donna, insieme al marito erano stati indagati, come atto dovuto, poco dopo il delitto per permettere loro di nominare propri in vista di alcuni accertamenti tecnici dei carabinieri del Ris di Messina. “Per me Antonella era un’amica, una sorella, era tutto – ha detto la donna -. Sto soffrendo molto di questa cosa e voglio che si risolva al più presto possibile, per noi, per loro, per tutti. Una relazione tra Antonella e mio marito? Non è vero, non è vero niente. L’ho sentita l’ultima volta quel giorno nel pomeriggio ed era tranquillissima. Se la mia famiglia ha a che vedere con questa storia? No, no, assolutamente no. E Antonella non ci aveva prestato soldi”. Quella mattina, ha poi raccontato la donna, “l’ho chiamata verso le 9,30 perché dovevamo fare la pizza, ma non ha risposto. Sono andata a vedere ed ho trovato la porta chiusa. Poi con una signora abbiamo girato ed abbiamo visto una porta aperta, siamo salite e abbiamo visto tutti gli oggetti in terra e siamo scese perché impaurite ed ho chiamato il cognato. Al momento non ho pensato cose brutte”.

    E stanno indagando i carabinieri su uno striscione apparso nel varesotto che incita Fuscaldo ad impiccarsi.

    In centinaia per l’ultimo saluto ad Antonella

    Antonella Lettieri omicidio
    Antonella Lettieri

    Ed erano in centinaia al funerale di Antonella. La bara bianca, coperta da rose bianche, è uscita dal palazzo comunale dove da ieri era stata allestita la camera ardente accompagnata da una folla silenziosa. La cerimonia, nella piccola chiesa di San Cataldo, è stata officiata dai parroci don Gianni Filippello e don Antonio Mazzone. “Siamo – ha detto don Filippelli – come una grande famiglia nella preghiera silenziosa. Una famiglia che trova nell’unione e nella speranza il modo per vivere un dolore incomprensibile”. “Faremo giustizia per tutte le donne che l’8 marzo sono state offese” ha detto, nel suo messaggio, una delle nipoti. Il sindaco di Ciro’ Marina Nicodemo Parrilla ha detto “non possiamo fare nulla per alleviare questo dolore se non essere vicini col cuore e l’affetto di tutta la popolazione che è caduta nel baratro per colpa di un essere ignobile che mi auguro la giustizia sappia condannare”.