• Home / CITTA / Messina – Proseguono eventi 500° anniversario della Riforma protestante organizzati dalla Chiesa Valdese

    Messina – Proseguono eventi 500° anniversario della Riforma protestante organizzati dalla Chiesa Valdese

    Proseguono gli eventi per l’anniversario del 500° anniversario della Riforma protestante organizzati dalla Chiesa Valdese di Messina. La musica è la protagonista anche del prossimo appuntamento, con un concerto gratuito che si terrà sabato 25 marzo alle 17. A esibirsi nella Chiesa Valdese in via Laudamo 16 il Trinacria Saxophone Quartet, formazione del Conservatorio Corelli (sax soprano Giuseppe Trimarchi, sax contralto Biagio D’Arrigo, sax tenore Gaetano Caruso, sax baritono Raffaele Benedetto.
    Il Trinacria Saxophone Quartet, formazione cameristica di rilievo, si prefigge di divulgare il repertorio sassofonistico esaltandone le qualità tecniche, timbriche ed espressive nei diversi generi musicali. I membri del quartetto sono diplomati al conservatorio “A. Corelli” di Messina, sotto la guida del Maestro Francesco Celona e hanno effettuato studi di perfezionamento con concertisti di grande fama come David Brutti, Fabrizio Mancuso, Mario Ciaccio, Mario Marzi, Antonino Mollica, Arno Bornkamp. Si sono inoltre esibiti in importanti teatri, associazioni culturali, convegni giornalistici di livello mondiale, trasmissioni televisive come Uno Mattina in Famiglia su Rai Uno e tenuto concerti per il Taormina Film Festival e Taormina Arte.
    Programma del concerto
    “Suite Hellenique” (Pedro Iturralde), “Gran quatour concertant” (Jean-Baptiste Singelée), “Rossini per quattro” (Di Bacco, medley su temi di Gioachino Rossini), “Grave et Presto” (Jean Rivier), “New York, New York” (John Kander, arrangiamento per 4 sassofoni di F. Leone), “Take Five” (Paul Desmond, adattamento per 4 sassofoni), ” La vita è bella” (D. Brutti, su temi tratti da “La vita è bella”, musiche di Nicola Piovani), “Tico Tico” (Zequinha de Abreu, arrangiamento per 4 sassofoni), “Ulla in Africa” (Heiner Wiberny), “Saxophobia” (Rudy Wiedoeft).