Home / CITTA / Reggio, Assessore Quattrone: “Ecco come funzionerà la metropolitana” (FOTO)
agata quattrone

Reggio, Assessore Quattrone: “Ecco come funzionerà la metropolitana” (FOTO)

«La Città di Reggio Calabria avrà finalmente, al pari delle più moderne città europee, la sua metropolitana» – è quanto dichiara l’Assessore Comunale alla Mobilità ing. Agata Quattrone commentando la recente notizia dello stanziamento della Regione Calabria per la sua realizzazione di 100 milioni di euro sui fondi PAC 2014/2020.

«L’Amministrazione Falcomatà ha recuperato l’originario progetto, delineato e finanziato dalla Regione nel 2009 su proposta dell’allora assessore ai trasporti Demetrio Naccari (DGR 457/2009), e lo ha ampliato -anche in ottica della Città Metropolitana- in un progetto integrato e di sistema. Il nuovo Progetto ha trovato il consenso e il sostegno della Regione che ha portato, grazie all’impegno assunto sui Patti per il Sud dal Pres. Mario Oliverio con il Governo, ad un primo importante finanziamento».

L’Assessore Quattrone traccia il quadro: «Il progetto del 2009, denominato SMS – Sistema di Mobilità Sostenibile, nasce da uno studio del dipartimento della Mediterranea DIMET (oggi DIIES) allora diretto dal prof. Francesco Russo – attuale assessore regionale ai trasporti e alla logistica. Il progetto oggi, in continuità e grazie alla sinergia fra l’assessorato alla mobilità comunale e regionale, è stato esteso e consiste nella realizzazione di un moderno sistema di trasporto collettivo in sede riservata: MMS – Metropolitan Mobility System.

MMS connetterà i principali nodi di trasporto (Aeroporto, Porto, Stazioni FS, Terminal Bus, ecc.)  con i poli attrattori di traffico (Cittadella Universitaria, Polo Ospedaliero, Uffici Pubblici Ce.Dir e Tribunali, Stadio, Beni Culturali ecc.)».metropolitana reggio

«L’idea progetto approvata con delibera di giunta comunale n.141 ad agosto 2015 – continua l’Assessore – è coerente con le indicazioni strategiche del redigendo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS). È stata definita con un approccio integrato del tutto nuovo per Reggio in cui la programmazione è assente da almeno 15 anni. Il sistema rappresenta infatti l’elemento portante della rete delle infrastrutture e dei servizi di trasporto della Città Metropolitana. L’elemento fondamentale cui connettere gli altri sistemi di mobilità urbana ed extraurbana (la rete pedonale e ciclabile, il trasporto pubblico locale su gomma, i servizi di mobilità condivisa, le linee di trasporto ferroviario, marittimo ed aeroportuale, la rete di trasporto privato) per ridistribuire i flussi di mobilità in maniera coerente ed interconnessa senza interruzioni”.

La cintura di trasporto collettivo MMS, con i parcheggi di scambio previsti all’ingresso della città lato sud e nord, consentirà di ridurre drasticamente la congestione del traffico cittadino.

Il sistema MMS per come è congeniato permette di collegare la parte alta della città, dove sono concentrati i servizi, con la dorsale litoranea e permette ai cittadini provenienti da tutta la provincia l’ingresso nell’area più di pregio della città offrendo una valida alternativa alla tangenziale. La soluzione consente di dare respiro al centro storico, di impedire l’ingresso dei mezzi privati anche commerciali nello ore di punta e di poter gradualmente arrivare alla sua pedonalizzazione con la realizzazione di una zona a traffico limitato.

Il sistema favorisce l’intermodalità del trasporto e garantisce l’interconnessione con l’area metropolitana del Comune di Messina poiché collega il Porto di Reggio con l’Aeroporto dello Stretto permettendo a quest’ultimo di intercettare la potenziale utenza messinese con tutte le positive ricadute in termini di flussi per lo scalo reggino.

Il sistema sarà dotato di tutte le moderne tecnologie per il monitoraggio e controllo in tempo reale del servizio, la bigliettazione elettronica, l’informazione avanzata all’utenza.

L’intera città con MMS migliora definitivamente la qualità del servizio di trasporto puntando alla modalità pubblica e sostenibile, intercetta una consistente porzione di viaggiatori che attualmente raggiungono i poli attrattori mediante mezzi privati e genera una rilevante diminuzione dei fenomeni di congestione con il miglioramento della qualità dell’aria (riduzione di emissioni inquinanti e di gas serra, dell’inquinamento acustico e di quello visivo) ed un attenuamento del rischio di incidentalità.

“Il potenziamento del trasporto pubblico, aggiunge la Quattrone, con il conseguente miglioramento dell’accessibilità ha una valenza importante anche dal punto di vista dell’equità sociale e delle pari opportunità. I benefici maggiori, infatti, si avranno per le fasce più deboli della popolazione (quali anziani, diversamente abili, persone meno abbienti etc.), le cui condizioni possono costituire fattori di emarginazione. Il sistema di mobilità sostenibile, durevole e inclusivo è stato congeniato per garantire a tutti i cittadini e  anche alla popolazione non residente (studenti, lavoratori fuori sede, turisti, ecc.) di raggiungere le destinazioni ed i servizi chiave di una Città più accogliente ed ospitale”.metropolitana reggio schema

“Abbiamo riportato, conclude l’assessore,  il Progetto che le amministrazioni precedenti avevano sostituito con una sfilza di interventi sconnessi al suo obiettivo originario: ossia la realizzazione della Metropolitana di Reggio Calabria. In questo anno abbiamo provveduto all’aggiudicazione delle gare per i progetti complementari ad MMS (Parcheggio di Scambio, Bretelle S.Agata, Ponte Calopinace, Acquisto Bus ecosostenibili) che ha scongiurato il de finanziamento dei 32 milioni residui del finanziamento originario del 2009. Adesso con il nuovo stanziamento della Regione è fondamentale procedere speditamente con il progetto di fattibilità di MMS per recuperare il tempo infruttuosamente trascorso».

 

 

Leggi qui!

In Consiglio regionale ok a legge su precariato

Dopo un dibattito serrato, lungo oltre due ore e mezza, il Consiglio regionale ha approvato …