• Home / CITTA / Elezioni Cosenza – Presta candidato Pd senza primarie: la coalizione si spacca

    Elezioni Cosenza – Presta candidato Pd senza primarie: la coalizione si spacca

    “Lo scioglimento anticipato del consiglio comunale è stato un atto interruttivo di una nefasta pagina amministrativa. Nel corso di questi ultimi anni, Cosenza ha subito un progressivo processo di impoverimento generale. L’Amministrazione comunale uscente è stata utilizzata al servizio di interessi particolari e di gruppo che hanno caratterizzato soprattutto l’attività autoreferenziale del Sindaco decaduto. Ciò ha determinato l’implosione della coalizione che alle elezioni amministrative del 2011 aveva prevalso dal momento che, via via, sono state molteplici le forze politiche che hanno inteso differenziare la loro responsabilità da quella del Sindaco,determinando così la deflagrazione della maggioranza consiliare. Il logoramento amministrativo ed una crisi strisciante istituzionale hanno penalizzato la città. È stata sacrificata, così, ogni prospettiva di sviluppo. Cosenza, oltre ad un sensibile calo demografico, ha registrato la perdita di ogni funzione direzionale e strategica. Occorre invertire la rotta per un’opera di bonifica e di rilancio. Per questo fine è necessario il protagonismo e la responsabilità di un’ampia alleanza civica e progressista per il nuovo governo della città. L’ambizione dovrà essere quella di recuperare la centralità di Cosenza nell’ambito regionale. Bisogna andare oltre i confini degli schieramenti politici tradizionali. La riunione odierna, pertanto, ritiene di sospendere lo svolgimento delle primarie e di aprire un confronto per designare un candidato a sindaco fortemente condiviso ed unitario attraverso la partecipazione attiva di tutte le componenti della coalizione. Conseguentemente, le forze sottoscrittrici del presente documento intendono proporre un’intesa con il candidato Lucio Presta. La designazione di Lucio Presta, alla guida dell’Alleanza Civica e Progressista, dovrà essere espressione di un progetto di governo finalizzato a valorizzare l’identità storico­culturale e territoriale cittadina ed a promuovere un’opera di ricostruzione morale, sociale ed economica”. E’ il documento che sancisce la candidatura ufficiale di Lucio Presta per il Pd, come sindaco di Cosenza. Il manager aveva annunciato l’intenzione di candidarsi ad ottobre 2015 e alla fine,senza nemmeno le primarie è il candidato del Pd con il bancio in fronte di Matteo Renzi. La decisione non ha certo rallegrato, Guccione ed Oliverio, che avrebbero preferito altre scelte in un caso e le primarie nel secondo, ma non sono felici nemmeno, mancano, infatti, le loro firme nonostante le alleanze nazionali, il Pse con Enzo Paolini, che a questo punto correrà da solo contro l’uscente Mario Occhiuto, e i fratelli Gentile, tanto ben voluti, almeno Tonino, dal premier nell’esecutivo, con Ncd. Il documento è stato firmato, quindi, dal Partito Democratico (omincomprensivo perché ufficialmente al suo intenro non esistono divisioni), Calabria in rete, Psi, Idm, Centro Democratico, Cosenza nel cuore (Luca Morrone), Idv, PSDI, Alleanza Popolare, Movimento civico cattolico, ALA (Giacomo Mancini).