Home / CITTA / Reggio, Comune e associazioni facilitano agevolazioni su Imu per i cittadini

Reggio, Comune e associazioni facilitano agevolazioni su Imu per i cittadini

di Marina Malara – Firmata a Palazzo San Giorgio una convenzione tra le associazioni degli inquilini e dei piccoli proprietari immobiliari e il Comune di Reggio Calabria che consentirà una collaborazione tra i due firmatari per individuare e validare i contratti di locazione che hanno diritto all’applicazione dell’Imu al 6 per mille come deliberato dal Comune stesso per l’anno 2015. Si tratta, ha spiegato l’assessore al Bilancio del comune reggino Armando Neri, di un altro tassello che completa il percorso di partecipazione aperto ai cittadini dal settore tributi. Dopo la firma dell’accordo decentrato e le modifiche attuate nei regolamenti, in particolare sull’IMU, per le agevolazioni, per chi trasferisce la casa in comodato d’uso dai padri ai figli e chi affitta a canone concordato, oggi si segna una nuova tappa nel percorso di partecipazione dei cittadini e delle associazioni con l’amministrazione comunale nel settore dei tributi, firmando un protocollo d’intesa che garantisce il supporto formale di queste associazioni alle attività dell’assessorato e del settore finanze. L’assessore Neri ha voluto ringraziare le associazioni, in primo luogo il dott. Domenico Cuccio presidente onorario Uppi e vicepresidente Confedilizia e poi Giovanni Violi, componente della Commissione Nazionale Urbanistica Nazionale Uppi , Confedilizia, Ania (segretario provinciale Vincenzo Leotta), Conia (presidente Conia-Apia Giuseppe Basile), Sunia (delegato regionale Antonio Spataro e delegato provinciale Demetrio Marra) e Confabitare (presidente provinciale Mario La Bella). Grazie a questo protocollo d’intesa, ha spiegato ancora Neri, i cittadini potranno essere coadiuvati nella predisposizione di tutti gli atti necessari ad ottenere le agevolazioni.  E’ la prima volta che succede in Italia che un comune firmi un protocollo del genere, ha spiegato Domenico Cuccio, subito incalzato dal Sindaco Giuseppe Falcomatà che ritiene che sia più importante un requisito come questo anziché alcuni di quelli presi in considerazione dal Sole 24 Ore per la sua classifica sulla vivibilità delle città italiane.  “ Siamo ben coscienti della situazione generale, ha detto ancora il primo cittadino, ma giornate e accordi come questi ci fanno capire che siamo sulla strada giusta. Vogliamo fare in modo che ci si avvicini a questa amministrazione con la volontà di dare e offrire il proprio contributo senza la pretesa di ricevere: è il nostro mantra, che stiamo cercando di applicare in tutti i settori. La città si fa con i cittadini ed è per questo che stiamo lavorando ad un bilancio partecipato e per l’attivazione delle Consulte. Dobbiamo però ridurre  quegli spazi di evasione che rischiano di mortificare i risultati importanti che potremmo ottenere. Solo attraverso una lotta concreta all’evasione fiscale riusciremo nel nostro lungo periodo, a fare scendere la pressione fiscale”.

Leggi qui!

Riace: avviso di garanzia per l’assessore di Mimmo Lucano,

Maria Spanò, candidata a sindaco di Riace e già assessore nella giunta di Mimmo Lucano, …