• Home / RUBRICHE / Calabresi lontani da casa / La Calabria di successo. E’ di Soverato uno dei 25 manager della World Bank  

    La Calabria di successo. E’ di Soverato uno dei 25 manager della World Bank  

    Si chiama Patrizio Pagano ed è partito a 18 anni dal suo paese natale, Soverato, costa jonica calabrese, provincia di Catanzaro. Laurea alla Bocconi, esperienze a Londra. Poi il concorso alla Banca d’Italia e dopo un’esperienza di un anno in California, all’università di Berkeley, arruva una importantissima occasione all’interno della World bank. Da più di un anno e mezzo è direttore esecutivo per l’Italia, l’Albania, la Grecia, Malta, il Portogallo, San Marino e Timor-Leste. Il suo ufficio è a Whashington a pochi passi dalla Casa Bianca. Racconta tutto il suo percorso in una intervista sul Quotidiano del Sud , a firma di Giulia Veltri, e spiega che il suo lavoro rientra nel portare a termine un obiettivo dell’istituto di Washington, quello di contribuire a ridurre la percentuale di poveri nel mondo al 3 per cento entro il 2030, attraverso l’elaborazione di progetti che siano in grado di sostenere economie fragili e povere, con prestiti a tasso zero o a tassi particolarmente agevolati oppure finanziamenti a fondo perduto. In tutto questo l’Italia si presenta come uno dei principali investitori, non certo come gli Stati Uniti, ma detiene il 2% delle azioni della banca. Patrizio Pagano si schermisce davanti alle qualifiche di uomo potente e importante che gli vengono attribuite. “Niente di tutto questo, dice a Giulia Veltri, sono solo un tecnico che cerca di dare il suo contributo all’istituzione a cui appartiene”. In Calabria, a Soverato, torna spesso per vedere i genitori e tutti i familiari. E poi, d’estate, con la moglie calabrese e i figli, per le vacanze. Per il riscatto della Calabria, ammette che non esistono formule magiche, ma pensa che consistenti e massicci investimenti sul capitale umano potrebbero essere di grande aiuto. Così come andrebbero messe a frutto le importanti esperienze che imprenditori calabresi hanno maturato all’estero e che potrebbero essere replicate nella nostra regione. Ai giovani calabresi consiglia di diventare cittadini del mondo, a muoversi, a fare un’esperienza lontano da casa, all’interno dell’Unione europea ma non solo. “Ognuno dovrebbe essere d’esempio per gli altri e può farlo profondendo impegno e dedizione nello studio e, successivamente, nella propria professione. Non esistono scorciatoie ma è vero anche che nulla è impossibile per chi lavora sodo”.