Gli eventi di fine agosto al Comune di Santo Stefano in Aspromonte

lunedì 31 agosto 2015
16:27

Gli ultimi giorni del mese di agosto all’insegna della cultura, del cabaret e della musica etnica, nell’ambito del ricco programma organizzato dall’Amministrazione comunale con la collaborazione di enti istituzionali, associazioni e imprenditori locali, che ha animato le piazze delle zone del comprensorio del Comune di Santo Stefano in Aspromonte, riscuotendo un grande successo.

Sabato 29 agosto, a Piazza Domenico Romeo di Santo Stefano in Aspromonte, alle ore 18:00, vi è stata l’ormai decennale manifestazione dell’omaggio alla bandiera, in occasione dell’anniversario dell’evento che vide, per la prima volta, il 29 agosto 1847, sventolare in quella stessa piazza, il tricolore italiano- quale “simbolo di fratellanza, d’indipendenza, di unità nazionale”, come ricorda lo storico risorgimentale Vittorio Visalli -, poi benedetto in Chiesa dal parroco don Stefano Chirico.
Per questa occasione, storici e rappresentanti istituzionali – il Sindaco, dott. Francesco Malara, l’Assessore l’Assessore alla cultura e legalità della Provincia di Reggio Calabria,  dott.  Edoardo Lamberti Castronuovo, il Prof. Stefano Iatì e il Prof. Elio D’Agostino-   hanno intrattenuto la popolazione nel convegno “Il Risorgimento inizia a Santo Stefano e si conclude sull’Aspromonte” con proprie riflessioni sul Risorgimento e sulle imprese che, come ha evidenziato il Prof. Stefano Iatì, sono iniziate a Santo Stefano, dalla benedizione della bandiera da parte del parroco carbonaro, innescando i moti del ’47 e preparando la strada per le rivoluzioni dell’anno successivo.
Nel corso del convegno in rappresentanza della Consulta Giovanile del Comune di Santo Stefano in Aspromonte, che ha partecipato all’organizzazione dell’evento, Domenica Vitale, ha rivolto i saluti ai presenti, informando la platea del loro impegno nell’ambito della promozione giovanile e sociale che caratterizzerà la loro azione.
Un excursus storico sui patrioti risorgimentali del luogo è stato fatto dal Prof. Elio D’Agostino che ha ricordato, in particolare, Domenico Romeo, il cui nome «è legato al concetto di indipendenza e alla volontà di liberare l’Italia dagli invasori».
A conclusione dei lavori, l’Assessore alla cultura e legalità della Provincia di Reggio Calabria,  dott.  Edoardo Lamberti Castronuovo, elogiando i valori e i principi che hanno animato le azioni degli eroi risorgimentali di Santo Stefano, ha esortato la popolazione ad uscire dall’oblio per trovare il proprio ruolo ed il giusto riconoscimento nella storia d’Italia che al Sud andrebbe riconosciuta, informando anche che una via del Comune di San Procopio di cui è Sindaco, sarà rinominata e dedicata ai Martiri dell’Aspromonte.
La celebrazione del tricolore si è conclusa con l’alza bandiera con picchetto d’onore dell’Arma dei Carabinieri accompagnato dall’ Orchestra di Fiati “Città di Bagnara”.

«In questa piazza – ha dichiarato il Sindaco Francesco Malara ad apertura dei lavori –  celebriamo l’evento, che per prima vide sventolare il tricolore con l’ambizione di far partire i moti risorgimentali, per ribadire l’orgoglio per il nostro passato ed i nostri patrioti i cui valori di eguaglianza e libertà possono e devono essere la nostra forza per l’impegno sociale che come amministrazione siamo chiamati a realizzare. Abbiamo la grande opportunità di utilizzare il binomio “Cultura e turismo”. La cultura, fonte dei nostri ideali e della nostra storia e mezzo di crescita e di riscatto sociale che gli stefaniti hanno sempre scelto e preferito, deve oggi diventare anche il simbolo per fare turismo affinché assieme alla vicinanza con Gambarie, meta ambita da migliaia di turisti non solo della provincia reggina, possa essere strutturata una offerta turistica, esprimibile tutto l’anno e realizzabile attraverso una visibilità maggiore e più diffusa sull’intero panorama nazionale. Le rilevanze storiche del nostro territorio e dei territori aspromontani vicini, devono rappresentare una modalità per avvicinare il resto d’Italia all’Aspromonte e non viceversa. In tale contesto i progetti di Parco Nazionale e di Città Metropolitana vanno in questa direzione».

Nella stessa giornata, alle 21.30, a Gambarie, in piazza Carmelo Mangeruca, l’umorismo e la satira dei cabarettisti Battaglia & Misefari e la musica etnica degli Hantura, intervallati dall’esibizione della giovane cantante reggina, Micaela Foti, hanno accompagnato per alcune ore i numerosi spettatori accorsi all’evento nello spettacolo “Viaggio Mediterraneo 2015” promosso dalla Regione Calabria.

Domenica 30 agosto 2015, alle ore 21:30, in piazza Domenico Romeo di Santo Stefano in Aspromonte, invece,  si è cantato e ballato con i ritmi degli Akusma.
Il gruppo ha animato la serata, sponsorizzata dalla Provincia di Reggio Calabria, proponendo testi estrapolati dalla tradizione popolare calabrese e rielaborati in chiave moderna, suonando i tradizionali strumenti musicali –  la lira calabrese, l’organetto, la zampogna, la pipita, i flauti di canna – assieme al basso elettrico, la chitarra acustica e quella battente.

Print Friendly