Home / CITTA / Catanzaro. Labor Lamezia: “basta omicidi ed intimidazioni”

Catanzaro. Labor Lamezia: “basta omicidi ed intimidazioni”

Riceviamo e pubblichiamo: Vogliamo lanciare un messaggio, chiaro ed inequivocabile per esprimere tutto  il nostro sdegno e la nostra irritazione per le cose che succedono in città in questi ultimi tempi e manifestare la nostra forte e profonda  solidarietà verso  tutti coloro che subiscono intimidazioni ed

attentati dalla mafia e dalla criminalità organizzata.  La città di Lamezia  è stanca di subire questa continua violenza  e non deve essere lasciata sola, mortificata dall’indifferenza generale. Quando i fenomeni raggiungono dimensioni tali come quelli raggiunti a Lamezia, si richiede necessariamente un intervento dello Stato e di tutte quelle forze politiche, sociali, giovanili  e civili che in questa città hanno tanta voglia di produrre di rinascere a nuova vita. C’è una città operosa, fatta di persone perbene che si rifiuta di essere identificata con la mafia e la criminalità. Una città dinamica che pretende giustizia, che comprende, fortemente, il fatto che la mafia danneggia e allontana lo sviluppo che Lamezia meriterebbe di avere. Dobbiamo essere insieme protagonisti del cambiamento per scuotere le coscienze e stimolare l’impegno di tutti a migliorare il contesto in cui viviamo senza reticenze o timori. Il nostro intervento vuole dunque essere una forte denuncia verso questo stato di insicurezza ed illegalità certificata che spesso, con omicidi, bombe e quant’altro, la città è costretta a subire passivamente.  Ma noi di Labor Lamezia vogliamo mettere in atto  anche una proposta: sostenere e dare concretezza alle tante positività che esistono sul territorio e che alimentano la speranza: dalle forze dell’ordine alla magistratura dalle associazioni antiracket, alle scuole impegnate in percorsi sulla giustizia e la cittadinanza, dalle molte e diverse realtà del territorio che lavorano per costruire consapevolezza, opportunità, diritti, ai semplici cittadini che con il loro onesto lavoro, si impegnano a costruire un modello di legalità attiva e sostenibile. L’emergenza sicurezza e legalità vanno affrontate insieme. Con risposte chiare ed immediate, con progetti ed impegni  che sappiano rispondere al degrado sociale e culturale di tante aree del nostro territorio, e delle tante marginalità sociali ed economiche che alimentano il crimine organizzato. Se non siamo capaci di valorizzare le cose positive del nostro territorio rischiamo di cadere nello sconforto, nel disorientamento, nella disperazione. Invece c’è bisogno di credere, e di fare. Di creare speranza viva. Ciò che manca è la consapevolezza che se  esiste un sentimento di legalità, prima ancora che un valore, esso dipende dalla volontà di educare alla legalità ed all’onestà. Un sentimento che si costruisce soprattutto con l’interiorizzazione del rispetto altrui e del diritto, del senso dello Stato che può affermarsi, e del valore delle Istituzioni e della vita pubblica. Per questo il movimento Labor Lamezia esprime solidarietà e sostegno a tutti quegli imprenditori che con le loro coraggiose testimonianze hanno  denunciato le estorsioni subite e favorito le ultime operazioni di polizia. Un plauso a tutte le forze di polizia, alle procure ed alla Dda per il forte impegno operativo sul territorio. Nella speranza che diventi certezza  il vedere ulteriori  e migliori risultati positivi del difficile ma indispensabile processo di epurazione  della criminalità che la città attende da tempo. Noi di Labor Lamezia crediamo  che oggi questo sia possibile soltanto con il contributo di tutti, ognuno nelle proprie responsabilità e competenze, al fine di suscitare nelle coscienze,  nei contesti sociali  che si sviluppano nel disagio, e nelle nuove generazioni, la ricerca di un orizzonte autentico di giustizia e di impegno per il bene comune, intesi come premesse alla legalità, di una legalità che vive,  e che è ragione di vita.
Pasquale Scaramuzzino
Portavoce movimento Labor Lamezia

Leggi qui!

Calabria: arrivano i tedeschi ad investire, portano gli inglesi e un grande albergo

Qualcosa si muove per la Calabria. Sia sul piano dei collegamenti che su quello delle …