Home / CITTA / Vibo: falsi medici con studi in diverse città. Denunce e sequestri

Vibo: falsi medici con studi in diverse città. Denunce e sequestri

Falsi medici, con studi specialistici in diverse citta’ italiane, sono stati smascherati e denunciati dai carabinieri della compagnia di Vibo Valentia, che ha anche sequestrato alcune strutture e diverse lauree false. L’operazione, coordinata dal capitano Stefano Di Paolo e dal comandante della stazione, luogotenente Nazzareno Lopreiato e dal maresciallo Pietro Santangelo di San Costantino Calabro,

e’ scattata nella prima mattinata di oggi nel Vibonese, a Matera, Acqui Terme e Genova. Un vero e proprio blitz per eseguire numerose perquisizioni domiciliari e per notificare tre avvisi di garanzia, emessi dalla Procura della Repubblica del il Tribunale di Vibo Valentia, per i reati di truffa, falsita’ materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, falsita’ ideologica commessa da pubblico ufficiale ed esercizio abusivo della professione medica. L’indagine e’ partita qualche settimana addietro su segnalazione dell’ordine dei medici di Vibo Valentia, che aveva riscontrato alcune anomalie nella documentazione presentata per l’iscrizione all’albo. In particolare alcuni nuovi iscritti dichiaravano tutti lo stesso domicilio a San Costantino Calabro, e poi subito si trasferivano in altre sedi. Un’anomalia che ha portato ad ulteriori accertamenti che hanno consentito di scoprire come anche sui certificati di laurea c’era qualche anomalia. I militari, grazie alla collaborazione dell’Universita’ di Messina e dell’ordine dei medici ed odontoiatri di Vibo Valentia, sono riusciti a verificare come una odontoiatra di Matera ed un noto medico chirurgo, con studi sia a Genova che ad Acqui Terme, all’atto della richiesta della propria iscrizione presso l’ordine dei medici di Vibo Valentia, avevano presentato sia un falso certificato di laurea sia della falsa documentazione attestante la propria residenza. Attraverso una minuziosa indagine vecchio stampo, senza il minimo ricorso a sofisticate intercettazioni o ad avanzati strumenti tecnologici, i carabinieri sono risaliti ad un noto biologo di San Costantino Calabro, F.D., 61 anni, laureatosi a Messina, proprietario dell’immobile in cui i falsi medici avevano eletto domicilio e che sembra sia il motore di uno strano giro di certificati di laurea e residenza falsi che, dal vibonese, vanivano inviati a “clienti” in tutta Italia.

Leggi qui!

Taurianova (RC) – Il Centro Dialisi compie trent’anni. Il 29 settembre giornata celebrativa

Di seguito la nota diffusa da Pino Pardo, dializzato e trapiantato del rene : “Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *