• Home / CITTA / Legge “oscura Burc”: parte referendum abrogativo

    Legge “oscura Burc”: parte referendum abrogativo

    Il 28 aprile prossimo, alle ore
    10, con la convention di presentazione,che avra' luogo nel
    Teatro Umberto di Lamezia Terme (Cz), parte il referendum per
    l'abrogazione del comma 4, dell'art. 29 della legge regionale
    n.7 del 21/8/2006, secondo cui ''Le delibere della Giunta
    regionale, i provvedimenti amministrativi dell'Ufficio di
    Presidenza del Consiglio regionale, del Presidente della
    Giunta regionale, e, comunque, tutti gli atti che comportino
    oneri a carico del bilancio regionale, devono indicare la
    relativa copertura finanziaria e vengono pubblicati sul
    Bollettino Ufficiale della Regione Calabria entro il
    quindicesimo giorno successivo a quello della loro
    emanazione''.

    In mancanza di tale comma – spiega una nota – il Consiglio
    regionale gode del privilegio di poter pubblicare a sua
    discrezionalita' gli atti relativi alle spese dell'ente
    regionale.
    Significa soldi di tutti, amministrazione di
    pochi. E crescita di interrogativi sulla tribuna della
    cittadinanza attiva e consapevole. Il comitato referendario
    ha visto adesioni a pioggia, trasversali.
    Il 28 aprile tutte queste forze si ritroveranno anzitutto
    con quella convinzione chiara espressa dal manifesto di
    presentazione: ''La Calabria riparte….dai suoi
    cittadini''.
    Saranno presenti i segretari regionali dei sindacati CGIL,
    CISL e UIL, Vera La Monica, Luigi Sbarra e Roberto Castagna,
    Silvio Gambino dell'UNICAL, Filippo Callipo e il giudice di
    cassazione Romano De Grazia.
    Fara' poi gli onori di casa il sindaco di Lamezia Terme,
    Gianni Speranza.

    Un grande giorno di una societa' civile calabrese – si
    legge nel comunicato – che con determinazione si riprende i
    concetti di legalita', partecipazione e trasparenza della
    pubblica amministrazione. Le associazioni promotrici
    dell'iniziativa, Ulixes, Bella Ciao, Centro Studi Giuseppe
    Lazzati, CalabriaLibre, Fondazione ''Mario Congiusta''
    auspicano un giorno che possa anzitutto comunicare che la
    speranza non si spegne cosi' come la voglia di partecipazione
    e protagonismo attivo.
    E il referendum per il ripristino
    pieno del BUR Calabria e' una sfida ''che l'intera regione si
    dichiara pronta a raccogliere.