Home / CITTA / Sanità: Loiero “stoppa” le polemiche

Sanità: Loiero “stoppa” le polemiche

''L'unica cosa che non serve alla riorganizzazione del Sistema sanitario in Calabria, è una nuova telenovela di polemiche. E' assolutamente da evitare, procura danni, perchè abbiamo la responsabilità di programmare un settore tanto delicato, nel quale gli interessi particolari non devono trovare spazio, un settore che dovrà sopravvivere al federalismo fiscale con cui avremo a che fare, dove la spunta chi ha risorse da mettere in campo''. E' quanto afferma attraverso una nota del Portavoce, il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, commentando alcune critiche espresse da alcuni componenti della giunta regionale sulle linee di indirizzo in tema di piano sanitario regionale. ''Stoppiamo subito, dunque, queste polemiche che la Calabria non capirebbe e personalmente non sono disponibile a sopportare. Nella Sanità – afferma Loiero – ci sono obiettivi chiari: da una parte evitare sprechi, doppioni e nicchie di privilegio; dall'altra avviare una riqualificazione tecnologica e strutturale che permettera' di avviare una distribuzione equa dei servizi sul territorio''. Per il presidente del giunta regionale della Calabria ''nessuno può muovere accuse a nessuno''. ''Le scelte fatte, con l'approvazione delle linee di indirizzo, sono scelte di tutta la giunta – sostiene Loiero – nè servirebbe muovere critiche o attacchi a singoli, anche non condividendole totalmente. Ciò perchè sul futuro Piano sanitario regionale sarà necessario un confronto che non si è certo esaurito col deliberato che abbiamo assunto. Siamo pronti al dialogo, e mi seno di fare un appello anche all'opposizione con la quale siamo disponibili a confrontarci, ma con tutti i problemi che abbiamo davanti non ci possono essere prese di posizioni accusatorie all'interno dello stesso esecutivo. Sono le regole della democrazia''. D'altra parte, afferma Loiero, ''se la situazione di partenza è drammatica per scelte incoerenti e magari frutto di logiche clientelari, come recenti tragiche vicende hanno evidenziato, l'impegno di riforma a cui abbiamo dato avvio è estremamente gravoso e ha bisogno di compattezza istituzionale e di partecipazione democratica''. ''Non ci sono, sia chiaro, territori sacri nè per il presidente, nè tantomeno per i singoli assessori – conclude – Puntiamo a uno sviluppo armonico che solo potrà garantire ai calabresi una sanità più efficiente. Siamo per valorizzare il meglio, non per ripetere errori fatti in passato che hanno portato alla realtà attuale, non certo esaltante''. (Adnkronos)

Leggi qui!

Messina – Lunedì il concerto della Memoria

L’assessore alle Politiche Sociali, Alessandra Calafiore, insieme a Giuseppe Ministeri e Antonino Averna, rispettivamente presidente …