• Home / CITTA / Palpeggiava minore, arrestato sacerdote a Reggio

    Palpeggiava minore, arrestato sacerdote a Reggio

    Un sacerdote di 70 anni di Reggio Calabria e' stato posto dalla polizia agli arresti domiciliari per atti sessuali con una tredicenne e atti osceni in luogo pubblico. L'operazione e' stata condotta dal Compartimento della Polizia postale di Reggio, insieme a personale della squadra mobile. Le indagini sono cominciate quando personale della polizia postale ha avuto notizia di un rapporto particolarmente intimo tra il prete, di cui sono state fornite solo le iniziali, P.C., per tutelare la minore, ed una sua giovanissima parrocchiana ed ha informato la Procura della Repubblica. Dai primi accertamenti sui tabulati telefonici e' emerso che tra i due vi erano decine di telefonate giornaliere. Per sei mesi gli investigatori hanno intercettato le telefonate dei due. Dai colloqui, pero', il prete non faceva trasparire le sue reali intenzioni mentre era chiara la totale dipendenza emotiva della ragazzina. I due, inoltre, si incontravano spesso in parrocchia e sull'automobile del sacerdote per discutere di argomenti di varia natura. La svolta e' arrivata quando il prete e' stato trasferito in una parrocchia fuori dalla provincia reggina. L'uomo, quindi, ha iniziato ad essere piu' esplicito nelle sue conversazioni. Durante le feste natalizie, infine, il sacerdote ha incontrato la ragazzina sulla sua auto e dalle intercettazioni e' emerso che l'aveva palpeggiata e baciata. La polizia postale ha quindi deciso di intervenire anche per evitare che si potesse consumare un rapporto sessuale. Il magistrato titolare dell'inchiesta, Giovanni Musaro', ha quindi chiesto al Gip l'emissione di un provvedimento cautelare agli arresti domiciliari, che e' stato eseguito dalla polizia postale e dalla squadra mobile. (ANSA).