• Home / CITTA / Diocesi reggina su arresto sacerdote

    Diocesi reggina su arresto sacerdote

    ''Siamo certi che la magistratura sapra' chiarire con esattezza la posizione dell' imputato, al quale assicuriamo la nostra preghiera perche' il Signore lo sostenga in questi momenti di sofferenza, cosi' come ci sentiamo vicini con la preghiera ai membri della famiglia coinvolta''. E' quanto si afferma in un comunicato dell' Arcidiocesi di Reggio  in relazione all' arresto ieri di un sacerdote di 70 anni accusato di avere palpeggiato una tredicenne. ''La notizia degli arresti domiciliari di un padre cappuccino di Reggio – afferma il vicario generale don Antonio Iachino – ha procurato non poco dolore all' arcivescovo ed a tutta la comunita' cristiana reggina-bovese, la quale, pur convinta che la perfezione si raggiungera' solo nella beata eternita' e che sulla terra buon grano e zizzania cresceranno insieme, non puo' rimanere insensibile dinanzi ad avvenimenti del genere. Questa Curia, d' accordo con l' arcivescovo, sente il dovere di precisare che il suddetto religioso non ricopre in atto alcun incarico pastorale in Diocesi e che gia', dai suoi superiori, era stato trasferito ad altra Diocesi''. ''Invitiamo la comunita' cristiana – conclude la nota – a pregare perche' il Signore possa rendere la chiesa reggina-bovese sempre piu' capace di testimoniare l' amore salvifico di Gesu' risorto in questa nostra societa'''. (ANSA).