• Home / CITTA / Bianchi: “Poteva essere un’ecatombe”

    Bianchi: “Poteva essere un’ecatombe”

    ''Se solo il punto di impatto tra la ''Borchard'' e la Segesta fosse stato qualche metro piu' a poppa ci saremmo trovati dinanzi ad una vera e propria ecatombe''. E' quanto ha tra l' altro affermato il ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi durante una conferenza stampa conclusasi qualche minuto fa negli uffici della Prefettura di Reggio . Bianchi, che era accompagnato dal prefetto Luigi De Sena, dall' assessore regionale ai Trasporti della Calabria Vincenzo Spaziante, e dai responsabili delle tre Armi della provincia di Reggio Calabria -questore e comandanti provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza – aveva visitato precedentemente i feriti ricoverati a Messina e a Reggio . In particolare, Bianchi parlando dei ricoverati ai ''Riuniti'' di Reggio ha detto di ''averci parlato e di avere comunque trovato una buona situazione da punto di vista delle persone che hanno riportato gravi ferite, come la ragazza Daniela Schifilliti, che mi e' sembrata – ha detto il Ministro – abbastanza tonica''. Bianchi, ha anche affermato che ''le strutture sanitarie delle due sponde dello stretto e i soccorsi partiti dai due porti, di Reggio e di Messina, si sono dimostrati assolutamente efficaci e pronti all' emergenza, altrimenti tutto sarebbe stato piu' tragico. Tenete conto – ha sottolineato Bianchi – che buona parte dell' equipaggio del Segesta e' deceduto sul colpo e le circa 150 persone a bordo sono state salvate proprio grazie all' ottimo funzionamento dei soccorsi''. (ANSA).