• Home / CITTA / Storie di abusi su minorati. Condannato definitivamente

    Storie di abusi su minorati. Condannato definitivamente

    Nel 1996, ancora minorenne, assieme a due fratelli, aveva abusato di un ragazzo minorato psichico, rendendosi responsabile di violenza sessuale, atti osceni, sequestro di persona e spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo dieci anni, la vicenda giudiziaria che lo ha visto tra i protagonisti e' terminata. I Carabinieri della compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito nei confronti dell'uomo, l'ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni, relativo ad una sentenza della corte d'appello – sezione minori – divenuta esecutiva il 15 novembre di quest'anno a conclusione dei vari gradi di giudizio. Tutto inizio' nel marzo del 1996, quando la madre di un ragazzo affetto da una condizione di minorazione psichica, aveva sporto denuncia all'arma per il mancato rientro a casa da alcuni giorni del figlio.
    Le indagini condotte dai carabinieri individuarono nel predetto, assieme ai fratelli piu' grandi, tutti maggiorenni, i responsabili di un sequestro di persona allo scopo di commettere abusi sessuali nei confronti del giovane portatore d'handicap. La vittima dichiaro' agli inquirenti di essere stato trattato "come una prostituta". I fratelli Cutrupi, infatti, lo avevano segregato nel garages di casa costringendolo ad avere rapporti sessuali. Il luogo prescelto per gli "incontri" era un garage dove la giovane vittima era stata piu' volte reclusa in condizioni di denutrizione e scarse igiene. Al giovane venivano somministrate anche sostanze stupefacenti al fine di minanrne la volonta'. La droga la forniva un tunisino. All'epoca dei fatti i carabinieri sottoposero al fermo di polizia giudiziaria i quattro protagonisti della vicenda, ma l'imputato, dopo un breve periodo di custodia cautelare in carcere era stato ammesso al beneficio degli arresti domiciliari. La sentenza della corte d'appello lo ha condannato a 3 anni ed otto mesi di reclusione relegandolo nel locale istituto Penitenziario di S.Pietro. (Adnkronos)