• Home / CITTA / La statua della Madonna di Polsi a Mammola

    La statua della Madonna di Polsi a Mammola

    Il paese di Mammola ha accolto nuovamente, dopo 58 anni la Madonna di Polsi (aprile 1948, allora periodo focoso delle prime elezioni politiche, durante le quali si scontravano duramente comunisti e democristiani) con grande speranza e profonda devozione" la venerata statua della Madonna della Montagna Aspromontana, proveniente da Pirgo Grotteria,è stata accolta dalla comunità parrocchiale, ed accompagnata dalle Confraternite locali e da numerosi fedeli la Statua di Maria Santissima di Polsi è stata festosamente ricevuta all'inizio del centro abitato di via sigillò alla presenza dei parroci della chiesa di San Nicola di Bari, e Maria del Carmine, Don Alfredo Valenti, e Don Aniello Lanzetta, il quale nell'attesa avevano spiegato ai tanti fedeli il significato della "Peregrinatio" e quindi Maria di Polsi è stata accompagnata in processione, fino a Piazza Ferrari, dove il Sindaco di Mammola Antonio Longo con la fascia tricolore ha rivolto il suo saluto personale a tutta la comunità Mammolese presente al grande evento  e dell’intera Amministrazione Comunale,rivolgendo tra l’altro un accorato saluto pieno di significato rivolto alla Madonna della Montagna che dopo tanti lunghi anni è ritornata a Mammola dove il ricordo ha rimarcato il Sindaco  è rimasto molto vivo. Un intero paese si è riversato nel centro storico per accompagnare con una fiaccolata la Madonna di Polsi fino alla chiesa Maria del Carmine dove si è svolta la Santa Messa celebrata da Don Aniello Lanzetta. Subito dopo la Madonna della Montagna,è stata accompagnata nella parrocchia San Nicola di Bari dove per tutta la notte,i fedeli Mammolesi hanno partecipato alla veglia di preghiera guidata dal parroco Don Alfredo Valenti, con il coro San Nicodemo guidato dalla maestra Emerenziana Romeo che ha intonato canti d’invocazione alla Beata Vergine fino a tarda ora. L'intera giornata di venerdì fino al tardo pomeriggio, è stato un via vai di fedeli e pellegrini anche dei paesi vicini per invocare la protezione di Maria, durante la giornata, c’e stato l’omaggio floreale dei bambini delle scuole materne alla Madonna. Alle 16.30 la Beata Vergine è uscita dalla chiesa Matrice per essere accompagnata a Roccella Jonica ,è stato necessario per via della pioggia coprire la Madonna con un telo plastificato che comunque non ha impedito ai tantissimi fedeli di tributare il saluto finale a Maria di Polsi fino a Piazza Ferrari dove si è levato un lungo applauso. Durante la due giorni  si è pregato anche per i bisognosi della diocesi, per le vocazioni ecclesiastiche e religiose, per la pace e il progresso, per il bene sociale, nell'ordine e nella legalità della Locride e del mondo intero.


                                                                            NICODEMO BARILLARO