• Home / CITTA / Falsi assistiti: la lettera di Adamo a Loiero

    Falsi assistiti: la lettera di Adamo a Loiero

    loieroIn una lettera inviata al presidente della giunta regionale, all'assessore alla sanita' ed agli assessori regionali della Calabria, il vice presidente della regione, Nicola Adamo, chiede che ''si faccia una rapida verifica amministrativa per accertare il numero reale degli assistiti registrati''. Adamo spiega che ''nella trasmissione televisiva 'Anno Zero' condotta su Raidue da Michele Santoro e' stato pubblicato il dato dell'anagrafe assistiti della sanita' calabrese. La notizia e' quella che in Calabria il Servizio Sanitario Nazionale sostiene oneri finanziari relativi a 400.000


    assistiti in piu' al numero complessivo degli abitanti della regione. Un dato, ovviamente, che fa sensazione e si presenta nell'immaginario collettivo come la prova di un palese malgoverno delle risorse finanziarie pubbliche''. ''L'utilizzo di questo dato – prosegue Adamo – da alcune settimane e' divenuto un refrain a cui si ricorre per dare riscontro e sostegno alla facile tesi che vuole presentare la Calabria come terra di sprechi e malcostume. Su cio' abbiamo letto numerosi articoli apparsi su quotidiani locali e nazionali; abbiamo ascoltato dalla autorevole voce di Luciano Violante, nella trasmissione 'Porta a porta', citare questo dato''
     Secondo Adamo ''questa condizione non e' piu' sopportabile: tale dato e' utilizzato come credibile elemento di una vera e propria campagna di discredito. Tanto e' che anche nella riunione dell'ufficio di presidenza delle Regioni, svoltasi l'altro ieri a Roma, lo stesso presidente Vasco Errani ha richiamato questo dato per argomentare il suo diniego alla proposta, da me avanzata, di revisione dei criteri di riparto del fondo nazionale sanitario''. ''Alla luce di tutto cio' – aggiunge – non sfugge la necessita' di adottare ogni utile iniziativa istituzionale per ripristinare verita' e trasparenza''. Il vice presidente della giunta regionale della Calabria ricorda che ''ad agosto 2006, da assessore regionale al Bilancio sono venuto a conoscenza che la spesa sostenuta dalle Asl era corrispondente ad un numero di assistiti inferiore di decine di migliaia di unita' rispetto a quello degli abitanti. Il dato riscontrato ad agosto era di 1.940.000 circa assistiti. Non sfugge certo a voi, che fui proprio io durante la campagna elettorale 2005 ad denunciare il fatto che l'anagrafe registrava un'alterazione di 6.000 assistiti in piu' rispetto a quelli reali''. A giudizio dell'esponente dei Ds ''allora il problema riguardava il mancato aggiornamento soprattutto in riferimento agli ultracentenari ed agli over 70. Il dato di 400. 000. assistiti oltre il numero degli abitanti sembra non trovare alcuna fondatezza''. Il vice presidente della giunta regionale calabrese sottolinea che ''del resto mi e' sembrato capire che nei giorni scorsi lo stesso assessore alla Sanita' avesse preso cognizione che il dato fosse falso ed una strana invenzione''. (ADNKRONOS)