• Home / CITTA / Calabria, sbloccati fondi per 60 milioni

    Calabria, sbloccati fondi per 60 milioni

    Sei opere pubbliche per la Calabria, per circa 60 milioni di Euro, sono state sbloccate grazie all'impegno del Dipartimento Programmazione di concerto con il Dipartimento Trasporti della Regione. Si tratta degli interventi, che adesso potranno essere inseriti nell'elenco delle realizzazioni per l'APQ Trasporti, riguardanti: l'adeguamento dello svincolo tra le strade statali 18 e 107 presso Paola; il rifacimento della pavimentazione del piazzale della banchina di 'Levante' del porto di Gioia Tauro; il consolidamento della banchina di 'Riva' del porto di Villa San Giovanni; l'ampliamento, mediante il prolungamento del secondo braccio del molo foraneo, del porto di Scilla; il consolidamento della banchina 'Fiume' ed escavazione dei fondali del porto di Vibo Valentia; la costruzione della banchina 'Darsena' e relativi piazzali nonche' l'escavazione dei fondali del porto di Crotone. Nel confronto a Roma tra lo Stato e la Regione Calabria – si legge in un comunicato della Regione – sulla ricognizione e la ridefinizione degli interventi infrastrutturali previsti nell'Accordo di Programma Quadro del 29 luglio 2002, e' stata fatta chiarezza sulla passata istruttoria che aveva evidenziato alcune criticita' e quindi sospeso il finanziamento. Con l'aggiornamento dell'APQ sono stati reimmessi i fondi finora non piu' garantiti alla Regione ed in questo modo i finanziamenti saranno stanziati nel 2007. "E' un buon risultato per la Regione – ha dichiarato il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero- ed i nostri uffici stanno impegnandosi anche per recuperare l'importante finanziamento da destinare all'ampliamento del bacino nord del porto di Gioia Tauro. Il Governo, del resto, ha riconosciuto la nostra richiesta di fare di Gioia Tauro una priorita' nazionale per lo sviluppo della logistica dei traffici nel Mediterraneo". Da un punto di vista tecnico anche quest'opera pubblica e' gia' all'attenzione del tavolo Stato-Regioni, nell'ambito del programma strategico di cui alla delibera Cipe 121/2001. "Per quanto riguarda la fattibilita' dei lavori del porto di Gioia Tauro, per l'ampliamento del bacino a nord con la formazione di una nuova imboccatura ed il drenaggio dei fondali, -ha precisato Francesco De Grano, direttore generale del Dipartimento programmazione- serviranno altri approfondimenti, in considerazione sia delle problematiche tecniche nonche' della realizzazione di altri interventi inseriti nell'APQ rientranti nelle stesse finalita' di sviluppo del porto". (AGI)